Salviamo lo sport, salviamo il Palaindoor

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


AIUTATECI A NON FARE MORIRE LO SPORT IN VALLE D'AOSTA!

Lo sport valdostano sta per perdere il Palaindoor “Marco Acerbi” di Aosta per essere convertito in centro vaccinale per contrastare il Covid19.

Concordiamo sul fatto che sia necessario e prioritario trovare una struttura adatta al piano vaccinale.

Tuttavia ci chiediamo: é possibile che in Aosta e dintorni non esista un'altra struttura o una superficie, anche tensostatica o prefabbricata, idonea alla campagna di vaccinazione, che possa essere utilizzata in alternativa al Palaindoor? 

Il Palaindoor é utilizzato da anni da diverse società sportive che permettono ai nostri ragazzi di svolgere diverse attività, tra cui atletica leggera, preatletismo, ginnastica artistica, arrampicata sportiva, tennis, arti marziali, pugilato, lotta libera, scherma, attività per diversamente abili, etc..

Si tratta di una struttura facilmente raggiungibile dai giovani anche a piedi o in bici, in quanto ubicata all'interno del comune di Aosta e direttamente collegata alla pista ciclabile.

Si tratta della sola struttura di Aosta pensata per lo Sport, con attrezzatture uniche, introvabili e difficilmente replicabili in altri contesti (si pensi all'arrampicata, ma anche alla ginnastica artistica e all'atletica) in grado di garantire ad oltre 2000 ragazzi di praticare sport con regolarità. 

Perdere questa struttura per un tempo indeterminato (i lavori di ristrutturazione già programmati andrebbero a sommarsi ai tempi necessari per la campagna di vaccinazione) significherebbe privare i valdostani di un servizio essenziale.

Lo sport riveste un ruolo chiave per la salute fisica e mentale dei cittadini, per contrastare le dipendenze, per consentire relazioni tra coetanei in gruppi sani e per promuovere valori e comportamenti positivi di inclusione sociale e rispetto.

Con la chiusura del Palaindoor non si andrebbe soltanto a penalizzare le società sportive che necessitano di quella struttura, ma verrebbe lanciato alla popolazione un messaggio sbagliato: le istituzioni non hanno a cuore lo sport e quindi la salute intesa come prevenzione sul lungo termine.

Per questo CHIEDIAMO

al Presidente della Regione Autonoma  Valle d'Aosta, all'Assessore alla Sanità della Regione Autonoma  Valle d'Aosta, all'Assessore ai beni Culturali, Turismo, Sport e Commercio della Regione Autonoma  Valle d'Aosta, al Sindaco del Comune di Aosta ed al Capo del Dipartimento della Protezione Civile ella Regione Autonoma  Valle d'Aosta

1. di valutare concretamente la possibilità di adibire a centro vaccinale per contrastare il Covid19 altre strutture in alternativa al Palaindoor;

2. di iniziare quanto prima la ristrutturazione per lotti del Palaindoor, di modo tale da garantire la continuazione delle attività sportive che si svolgono in locali non interessati dai lavori.

Nella denegata ipotesi in cui le suddette richieste non potessero trovare accoglimento:

3. di trovare immediatamente strutture alternative idonee a garantire la continuità (sia in termini di ore di fruibilità che di attrezzature specifiche utilizzabili) di tutte le attività sportive ad oggi svolte all'interno del Palaindoor.

Per favore, non togliete lo sport ai nostri ragazzi! 

 

I primi sottoscrittori:

DONATELLI Marco (Aosta), MARQUET Sabina (Aosta), GALLO Daniela (Sarre), GIAMATTEI Pino (Sarre), FILIPPONE Erik (Aosta), LOMBARDI Dhebora (Aosta), MACRI' Deasy (Saint-Christophe), BOARETTO Gabriella (Aosta), FACHIN Lorenzo (Aosta), DOTTI Helene (Aosta), GARBINATO Gabriella (Charvensod), COME' Paolo (Charvensod), DISTASI Elisa (Aosta), MILANO Alessandro (Aosta), DISTASI Nicola (Aosta), LA SPINA Saverio (Sarre), DISTASI Carlo (Aosta), FROMAGE Laura (Aosta), COME' Giulia (Pollein), ZERBO Monica (Saint-Christophe), MACRI' Irene (Saint-Christophe), GARBOLINO Evi (Charvenod), PESSE Michael.