Coronavirus: aziende aperte e scuole chiuse, 7 proposte Cisl Veneto per aiutare i genitori

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Stiamo andando verso una progressiva ripresa dell’attività lavorativa, anche per molti genitori con i figli a casa da scuola (che non riaprirà).

Vanno quindi trovati nuovi strumenti per conciliare queste le due esigenze: lavorare e accudire i figli.

Cisl Veneto lancia questa petizione ai parlamentari veneti a alla Regione del Veneto affinché, nell’ambito delle loro competenze, si impegnino a dare risposte concrete alle 7 proposte della Cisl per i genitori al lavoro.

  1. Rinnovo dei congedi speciali, aggiungendo ulteriori giorni di permesso con un’indennità superiore al 50%.; deve valere la regola dell’alternanza dei genitori (salvo i casi di genitore unico): non devono essere solo le lavoratrici ad assentarsi dal lavoro;
  2. Rinnovo del bonus baby-sitting;
  3. Incentivi alle aziende che mantengono il lavoro agile per i lavoratori con figli tra i 0 e 12 anni;
  4. Apertura dei Centri estivi, se le autorità scientifiche e sanitarie danno il loro consenso e con precise regole di sicurezza;
  5. Accordo con le organizzazioni imprenditoriali venete che favorisca la turnistica alternata tra genitori con figli da accudire, anche se dipendenti di aziende diverse;
  6. Sostegni economici ai lavoratori genitori tramite il welfare aziendale e bilaterale ad esempio con buoni per babysitter e Centri estivi, ecc.
  7. Utilizzo delle risorse europee in dotazione della Regione Veneto per sostenere la nuova conciliazione.

Riprendere il lavoro in sicurezza vuol dire pensare al futuro: i figli sono il futuro.