Fermiamo la svendita del territorio della Bassa Pianura Bergamasca

Fermiamo la svendita del territorio della Bassa Pianura Bergamasca

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 1.500 firme!
Rete Associazioni Bassa Pianura Bergamasca ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Presidente della Provincia di Bergamo e Sindaci della Bassa Pianura Bergamasca (ambito 14)

C’è un disegno che vorrebbe i territori lungo l’autostrada BREBEMI come un enorme magazzino delle Logistiche?

Si, c’è, ed è sempre più evidente ogni giorno.

Ma non è il nostro disegno!

Quando questo disegno compromette l’equilibrio di un ecosistema, quando la concentrazione delle Logistiche consuma oltremodo suolo, quando incrementa il traffico, quando aumenta l’inquinamento, quando compromette la salute dei cittadini

NON E’ SVILUPPO SOSTENIBILE!

NON E’ LO SVILUPPO CHE DESIDERIAMO PER QUESTO TERRITORIO!

Le migliaia di posti di lavoro promessi dalle Logistiche presto vedranno la manodopera, già a basso costo di oggi, sostituita dagli ancor più convenienti robot. Non è una ipotesi: se qualche dubbio possiamo avere in questo senso non è “se avverrà”, ma “quando avverrà”.

Noi associazioni e organizzazioni del terzo settore della Bassa Bergamasca tra Oglio e Serio, abbiamo sottoscritto un documento inviato ai Sindaci e alle Sindache del territorio, al Presidente della Provincia, con il quale abbiamo chiesto di sospendere tutti i progetti fino alla predisposizione di un “Piano d’Area” sostenibile e condiviso, che definisca, tenendo conto di quanto già realizzato, le eventuali aree di possibile sviluppo unitamente alle necessarie mitigazioni e/o compensazioni che rendano compatibili e sostenibili tutti gli interventi nel rispetto della normativa sul consumo di suolo.

Abbiamo però bisogno di ciascuno a sostegno del documento inviato. Con questa petizione possiamo far sentire la nostra voce a salvaguardia del territorio che ci ospita ma che non ci appartiene, che è casa comune, nostra e delle future generazioni.

assoconsulta.romano@gmail.com

#sorryalberodeglizoccoli

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 1.500 firme!