#NOTAP per uno sviluppo sostenibile

0 hanno firmato. Arriviamo a 7.500.


Anche questa volta la scelta di realizzare una grande opera, che devasta un territorio e ne snatura la vocazione, è stata presa senza ascoltare la volontà dei territori che questa opera attraversa.

Una modalità che non tiene conto della storia e della vocazione delle persone e dei luoghi, che impone scelte a territori, spesso, già interessati da attività produttive non rispettose della salute e dell’ambiente.

Una ingerenza che, per quanto riguarda la nostra terra, commette due grandi errori: somma una nuova forma di inquinamento - in un territorio già tartassato da problemi ambientali prodotti da uno sviluppo sbagliato - e spegne le speranze di recuperare la vocazione del nostro territorio e di fondare il futuro su un nuovo equilibrio tra uomo e ambiente.

Noi diciamo #NOTAP perché diciamo tanti SI: SI ad un futuro fatto di sviluppo buono, SI ad una economia basata sulle nostre tradizioni, SI ai prodotti della nostra terra, SI un turismo esperenziale e basato sull’accoglienza, Si alla godibilità di un territorio magico, fatto di bellezze naturali e di prodotti della terra unici e irriproducibili altrove.

Sono questi i motivi che ci hanno spinto a dire NO alla realizzazione di questa opera ininfluente per l’approvvigionamento energetico del nostro continente e devastante per il futuro dei nostri territori.

Per questo chiediamo a tutti i cittadini europei di sottoscrivere un appello al Parlamento Europeo per bloccare la realizzazione del TAP e di tutte le opere che devastano i territori e di ripartire con uno sviluppo compatibile con l’ambiente e i suoi cicli vitali.

Noi cittadini europei crediamo:

1)      Che il modello di vita e di lavoro sia deciso dalle persone che vivono sul loro territorio;

2)      Che il modello di produzione dell’energia sia orientato verso le fonti rinnovabili e basato sullo scambio sul posto;

3)      Che le grandi opere pubbliche siano trasparenti, totalmente tracciabili e che tutta la catena di società interessate ai lavori sia pubblica e i beneficiari noti alla pubblica opinione;

4)      Che il futuro delle nostre società sia basato su attività umane rispettose della Terra!

 

Difendi il tuo centimetro di terra, costruisci luoghi migliori in cui vivere!
 

Primi Firmatari: Sergio Bellucci, Alessandra Caragiuli, Emily Clancy, Salvatore Specchia.

 

#NOTAP for sustainable development

Once more the choice to carry out a large project, which ruins a territory and degenerates its economy, was taken without consulting the citizens living in the territories that this project crosses.

It's a way to making decisions that doesn't take into account the history and the livelihoods of people and places, that dictates choices to territories already altered by industries that don't respect people’s health or the environment.

An interference that, in reference to our territory, commits two great mistakes: it adds a new form of pollution – in a territory already stressed by environmental emergencies generated by a faulty development model – and removes expectations to recover our territory’s vocation and to base the future on a new balance between man and environment.

We say #NOTAP because we say YES: YES to a future based on a good development, YES to an economy based on traditions, YES to the products of our territory, YES to an experiential tourism based on reception, YES to the enjoyment of a magic territory made of natural attractions and of typical products that cannot be duplicated elsewhere.

These are the reasons that brought us to say NO to the realisation of this project which is non-influential for the energetic supply of our continent and would devastate our territories’ future.

For this, we ask to all European citizens to support a plea addressed to the EP president in order to stop the realisation of the TAP and all the projects that ruin the territories and to restart with a development that must be compatible with the environment and its life cycles.

We as European citizens believe:

1) that the model of life and work has to be decided by the people living in their territories;

2) that the model of energy production has to be oriented to renewable resources and based on exchange within the affected area;

3) that great public works have to be clear, fully trackable and that all enterprises involved in public projects have to be public and the recipients known to the public; and

4) that the future of our societies has to be based on human activities that respect the Earth!

 

Defend every centimetre of ground, build better places where to live!

First signers: Sergio Bellucci, Alessandra Caragiuli, Emily Clancy, Salvatore Specchia. 

 

This petition will be delivered to:

• President of the European Parliament

• President of the European Commission

• Group leaders of the European Parliament

• Members of the European Parliament



Oggi: Sergio conta su di te

Sergio Bellucci ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Presidente del Parlamento Europeo: #NOTAP per uno sviluppo sostenibile". Unisciti con Sergio ed 6.026 sostenitori più oggi.