Ridate la scorta al Capitano Ultimo

0 hanno firmato. Arriviamo a 15.000.


L'Ufficio centrale interforze per la sicurezza personale ha deciso di revocare la misura di protezione che era stata assegnata a De Caprio: un'auto non blindata con scorta.

Dal 3 settembre sarà pertanto revocato il servizio di tutela nei confronti del militare dell'Arma dei Carabinieri.

Sergio De Caprio, noto anche come Capitano Ultimo, il 15 gennaio 1993 ha messo le manette al boss della mafia, Totò Riina.

La sua figura rappresenta pertanto un simbolo della lotta alla criminalità organizzata e un esempio da seguire per la comunità nazionale.

La revoca della scorta rappresenta non solo un pericolo per la persona ma anche un pessimo messaggio sul piano morale, l'immagine di uno Stato che lascia sole le persone impegnate sul campo nella lotta alla mafia.

Il gruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati ha presentato un'interrogazione per chiedere i motivi di questa scellerata decisione.

È inconcepibile che venga lasciato solo chi rischia ogni giorno la vita per aver servito la collettività e aver affrontato la mafia, guardandola negli occhi con coraggio e spirito di servizio.

Chiediamo che il servizio di scorta per il Capitano Ultimo prosegua senza nessuna interruzione.



Oggi: Ugo conta su di te

Ugo Cappellacci ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Presidente del Consiglio dei Ministri : Ridate la scorta al Capitano Ultimo @GiuseppeConteIT". Unisciti con Ugo ed 10.575 sostenitori più oggi.