Riapriamo le frontiere !

Riapriamo le frontiere !

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 1.000 firme!
Giorgia Boscolo ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Presidente del Consiglio dei Ministri

Oggetto: Richiesta di chiarimenti

Egregi Signori,

Con la presente vorremmo portare alla Vostra attenzione la situazione di disagio di molti connazionali e l'esigenza di ottenere un piano per la riapertura delle frontiere fra l’Austria e l’Italia, al fine di consentire che gli italiani, sia residenti in Italia che in Austria, possano recarsi presso le loro famiglie.

Si fa presente che in Austria risiedono circa 30.000 italiani iscritti all’AIRE oltre a moltissime persone che non vi sono iscritte, come molti studenti in Erasmus e lavoratori stagionali, che, dal momento del lockdown dovuto alla pandemia COVID -19, non sono più potuti ritornare in Italia per visitare i propri congiunti, sbrigare necessarie attività amministrative o gestire attività economiche.

Stiamo parlando di genitori anziani, in molti casi malati; di famiglie separate; di figli in Paesi diversi con i quali non si può esercitare il diritto di visita; di lavoratori bloccati ed impossibilitati a raggiungere la famiglia e/o il posto di lavoro.

Il 19 Aprile 2020, il Ministro del Turismo austriaco Elisabeth Köstinger, ha dichiarato di volere aprire prossimamente le frontiere ai turisti tedeschi, notizia non ancora confermata ma in fase di valutazione[1]. Da maggio è pianificato il rientro settimanale di circa 1000 badanti rumene attraverso l’Ungheria[2].

Una riapertura delle frontiere austriache solo verso alcuni Paesi, come la Romania e la Germania, sarebbe una palese violazione del trattato di Schengen e quindi una ulteriore lesione dei diritti degli italiani residenti in Austria, ai quali resterebbe negato il loro diritto alla libera circolazione in area Schengen.

Ma il problema non sta soltanto sul versante austriaco e non può essere risolto solo dall'Austria: stando alle attuali informazioni pubblicate sul sito del Ministero degli Esteri italiano[3], per noi residenti all'estero il rientro in Patria sarebbe possibile solo in caso di urgenza assoluta.

Pur comprendendo le ragioni e la necessità di combattere la pandemia, è un nostro diritto fondamentale, in quanto cittadini italiani, poter tornare in Patria in qualunque momento (per esempio l'Austria consente il rientro in Austria non solo dei cittadini austriaci, ma anche dei cittadini EU stabilmente residenti in Austria), naturalmente con le dovute precauzioni per evitare la diffusione del virus.

Vi chiediamo pertanto di intraprendere le necessarie iniziative al fine di porre fine a questa ingiusta discriminazione dei cittadini italiani residenti all'estero.

Ringraziandovi per l'attenzione, confidiamo in una solerte e concreta risposta.

Cordiali saluti

Sig.ra Giorgia Boscolo Rizzo

Avvocato Elisabetta Folliero

Sig.ra Vania Paccagnan

Vienna, 2 maggio 2020

[1] Fonte  https://apps.derstandard.at/privacywall/story/2000116965770/koestinger-erwaegt-grenzoeffnung-fuer-deutsche-urlauber
[2] Fonte   https://apps.derstandard.at/privacywall/story/2000117121489/kontroverse-zwischen-oesterreich-und-rumaenien-um-geplanten-pflegekraefte-zug
[3] Fonte  https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 1.000 firme!