Confirmed victory

Il 9 ottobre 2012 Malala Yousafzai, una ragazza pakistana di 15 anni, è stata gravemente ferita con un colpo alla testa sparato da un uomo talebano dentro al pullman scolastico in cui si trovava. Malala è stata attaccata per la sua battaglia contro la distruzione delle scuole per ragazze in Pakistan. Ha rischiato la sua vita per aver difeso i diritti delle ragazze in tutto il mondo.

La storia e il coraggio di Malala hanno ispirato un movimento globale e siamo convinti che debba vincere il Nobel per la Pace per il coraggio dimostrato.

Per prima cosa dobbiamo aiutare Malala affinchè venga nominata per il Premio Nobel per la Pace. Solo alcune persone, come ad esempio i Parlamentari, possono proporre le candidature.

Per dimostrare che anche noi italiane e italiani sosteniamo l’incredibile lavoro di Malala, dobbiamo convincere tutti i leader dei partiti politici a sostenere insieme la candidatura di Malala per il Premio Nobel per la Pace.

Malala non rappresenta solo se stessa, ma parla per tutti coloro ai quali è negata l'istruzione esclusivamente in base al loro sesso. Mi chiamo Giovanna Fiume, insegno Storia moderna all’Università di Palermo; ho fatto parte del movimento delle donne degli anni ’70, dei movimenti per i diritti civili e del movimento antimafia.

Ho sempre considerato l’istruzione e, per suo tramite, la cultura tra le più potenti armi di avanzamento della società in generale e della condizione delle donne in particolare. Per questo non posso restare indifferente di fronte al coraggio di Malala in Pakistan, e ho lanciato questa petizione perchè voglio che la politica italiana dimostri il proprio sostegno verso questa causa.

Il Nobel per la Pace a Malala manderà un messaggio inequivocabile e darà coraggio a tutti coloro che si impegnano per la parità di genere e per il rispetto dei diritti umani universali, tra i quali il diritto all’istruzione per le ragazze.


----

Supporto internazionale:
Questa è una campagna globale, che chiede a più Paesi di sostenere la candidatura di Malala. Tarek Fatah ha iniziato per primo la petizione in Canada. Adesso altre persone stanno lanciando la stessa petizione in altri paesi per chiedere ai propri leader politici di unirsi per nominare Malala al Premio Nobel per la Pace.

Se non esiste ancora una petizione nel tuo Paese e desideri iniziarne una, puoi scrivere a Tarek a Nobel4Malala@gmail.com inserendo il tuo paese nell’oggetto dell’email.

Twitter Hashtag: #Nobel4Malala

Le altre petizioni nel mondo:
Canada: https://www.change.org/Malala
Germania: https://www.change.org/malalaspreis
Francia: http://www.change.org/nobelpourmalala
Inghilterra: http://www.change.org/nobelformalala
India: http://www.change.org/petitions/nominate-malala-for-the-nobel-peace-prize-nobel4malala

Letter to
Segretario del Partito della Libertà Angelino Alfano
Segretario della Lega Nord Roberto Maroni
Leader dell’Unione di Centro Pier Ferdinando Casini
and 3 others
Leader Radicali Italiani Emma Bonino
Nobel Prize Committee Nobel Foundation
Presidente di Futuro e Libertà Gianfranco Fini
In un momento in cui tanti Paesi nel mondo hanno dimostrato il loro grandioso supporto alla storia di Malala Yousafzai, è importante per tutti noi che anche l’Italia prenda subito una posizione per sostenerla. Malala non rappresenta solo una ragazza di 15 anni: lei parla in nome di tutti coloro ai quali viene negata l’istruzione esclusivamente in base al loro sesso.

Per premiare tale coraggio è necessario unirsi agli altri Paesi che vorranno proporre la candidatura di Malala per il Premio Nobel per la Pace. E’ fondamentale non restare indifferenti e riconoscere a Malala il grande merito che le spetta per la sua lotta contro la disparità di genere.

Con la presente chiedo, quindi, che anche i leader politici italiani propongano tutti insieme la candidatura di Malala Yousafzai al Premio Nobel per la Pace.

Cordialmente,