Spagna Shock: Torturano un cane e filmano la sua agonia

Spagna Shock: Torturano un cane e filmano la sua agonia

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!
Elisabetta Poletti ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a POLETTI

Sgomento ed indignazione in Spagna per un filmato fatto circolare sul web, filmato nel quale un cane viene torturato e lasciato agonizzante.

Un cane torturato a morte, un video che diventa virale, una pena minima: la Spagna è indignata.

Il 6 agosto, un video girato con uno smartphone in una fattoria a Teguise sull’isola di Lanzarote in Spagna è stato pubblicato su Facebook ed è diventato rapidamente virale.

Durante i pochi minuti di riprese spaventose, Timple, un cane gentile e socievole, amato da molti abitanti del villaggio che lo hanno nutrito e coccolato per diversi anni, muore di crudeli atti umani.

Nelle immagini vediamo l’animale con gli arti legati e la bocca chiusa con diversi strati di nastro adesivo. La povera bestia respira a fatica e striscia sotto un sole cocente.

Le sue grida possono essere ascoltate attraverso i pochi sbuffi d’aria che riesce ancora a prendere dolorosamente prima di soccombere. Gli autori sono un uomo di 39 anni di nazionalità argentina, Pedro Borrelli, e una donna di 41 anni, Miriam Coll, dell’isola di Lanzarote

I torturatori hanno anche beneficiato di una riduzione di un terzo della pena. E poiché la coppia non aveva precedenti penali, il giudice ha concesso una sospensione dell’esecuzione della pena. Pedro e Miriam non saranno quindi in prigione.

Inoltre, diversi quotidiani spagnoli hanno rivelato che gli accusati provenivano da una famiglia con forte influenza sull’isola, proprietaria di diversi media e diverse attività commerciali.

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!