Sacchetti biodegradabili a pagamento? Non esiste!!! Lo Stato rimborsi i cittadini!!!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Dal 1° gennaio, con l'entrata in vigore della legge di conversione del decreto legge 2017 n. 123, Disposizioni urgenti per la crescita economica del mezzogiorno, approvata lo scorso agosto, nei supermercati è diventato obbligatorio l'uso dei sacchetti biodegradabili per imbustare frutta, verdura, carni e salumi, con un costo per il cliente che dovrebbe aggirarsi tra 1 e 5 centesimi a sacchetto. Vi sembra giusto? Assolutamente NO, anche perché, vista la grave crisi economica che la maggior parte delle famiglie sta affrontando, soprattutto a causa della forte disoccupazione, è una follia mettere una nuova "tassa", anche se tecnicamente così non è, sul già precario bilancio dei cittadini, per giunta sulla cosa principale per l'essere umano come il cibo. A tal proposito, per "ovviare" a ciò, si propone che il suddetto costo dei sacchetti biodegradabili venga interamente rimborsato dallo Stato, allegando alla dichiarazione dei redditi, come avviene ad esempio per spese mediche, ecc., tutti gli scontrini della spesa, visto che il negoziane è obbligato a riportarlo sullo scontrino.



Oggi: Lorenzo conta su di te

Lorenzo Oliveri ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Pietro Carlo Padoan: Sacchetti biodegradabili a pagamento? Non esiste!!! Lo Stato rimborsi i cittadini!!!". Unisciti con Lorenzo ed 1.234 sostenitori più oggi.