PETIZIONE CHIUSA
Diretta a Segretario del Partito Democratico Matteo Renzi ed a(d) 4 altri

PER LEGGERE E FARE RICERCA NELLA SCUOLA ITALIANA COME IN EUROPA

Crediamo che :

•        la scuola sia un’occasione unica per imparare a leggere e formarsi come lettori critici e cittadini consapevoli e attivi;

•        saper leggere, saper capire, saper fare ricerca, saper pensare in maniera critica e creativa, saper prendere decisioni informate siano competenze che aiutano il cittadino per l’intera vita;

•        esista, come dimostrano varie ricerche basate su evidenze, una correlazione stretta tra la qualità dei servizi bibliotecari scolastici e la migliore riuscita formativa degli allievi;

•        una “buona scuola” sia una scuola che insegna a leggere, ricercare e collaborare e, a tale scopo, assicura tempi, risorse e spazi adeguati.

Constatiamo invece:

•        il progressivo impoverimento culturale e materiale della scuola italiana, che dispone di sempre minori risorse umane e finanziarie;

•          la carenza di personale specializzato che si occupi di “lettura” e di educazione all’uso esperto, creativo ed etico dell’informazione in stretta collaborazione con il lavoro dei  docenti;

•        l'interruzione del servizio nelle biblioteche scolastiche dei docenti inidonei all’insegnamento, destinati ad altri incarichi a seguito dell’applicazione della Legge n.128/2013;

•        l’assenza di ogni riferimento alla lettura e alle biblioteche scolastiche nel documento “La Buona Scuola”;

•        la mancanza di un quadro legislativo organico relativo all’organizzazione delle biblioteche scolastiche.

 Riteniamo che:

•        i tagli su istruzione, scuola e biblioteca siano un pericolo per il Paese;

•        il volontariato per promuovere la lettura e tenere aperte le biblioteche scolastiche, che alcuni docenti praticano da decenni, non sia sufficiente;

•        un’attività seria e imprescindibile in biblioteca - costituita dalla lettura e dalla ricerca - non possa essere affidata alla buona volontà dei singoli docenti o alla sensibilità di alcuni Dirigenti scolastici, ma debba essere una modalità didattica riconosciuta e normata condotta da professionisti formati, capaci di attuare una pratica esercitata con costanza;

•        le iniziative di promozione della lettura, realizzate sporadicamente nella scuola da vari enti e istituzioni, non siano sufficienti a raggiungere risultati duraturi e significativi;

•        solo un percorso ininterrotto di educazione alla lettura e alla media and information literacy, ai molteplici alfabetismi del 21° secolo,  caratterizzato da sistematicità e processualità, dal primo all’ultimo ciclo di studi, in collaborazione con le attività dei Sistemi bibliotecari territoriali, possa consentire di formare dei lettori competenti e degli abili ricercatori, capaci di muoversi in maniera autonoma e critica su carta, su digitale, in rete, e di lavorare sia individualmente sia in gruppo.  

Ci pare dunque indispensabile giungere, con un dispositivo di legge, al riconoscimento della biblioteca scolastica, intesa come spazio educativo innovativo, come ambiente (anche multimediale e digitale) e servizio per l’apprendimento. Luogo destinato alla promozione della lettura e della media and information literacy che contribuisce, con i suoi servizi, risorse, programmi e attività all'innalzamento della qualità dell'istruzione, all'inclusione e al contenimento della dispersione scolastica.

Pertanto Torinoretelibri, rete di biblioteche scolastiche, lancia la presente petizione per richiedere:

1)      il potenziamento e lo sviluppo di biblioteche scolastiche, innovative per tutte le scuole d’Italia;

2)      la presenza stabile del bibliotecario scolastico - docente documentalista, opportunamente formato e reclutato, in ogni scuola, come nella maggior parte degli altri Paesi europei;

3)      il reperimento di risorse finanziarie annuali per ogni scuola:

·        per l’acquisto di libri e di altre risorse informative e documentarie, a stampa e digitali, e delle tecnologie necessarie per il loro accesso e la loro fruizione; 

·        per il miglioramento degli spazi della biblioteca scolastica, per favorire l’accoglienza, il comfort, la permanenza, e attuare le attività di lettura, studio e ricerca in un ambiente sicuro, stimolante e accogliente; 

·        per il sostegno di attività permanenti di promozione alla lettura per gli studenti e le loro famiglie;

4)      l’approvazione, in tempi brevi, di una legge che stabilisca e definisca il ruolo della biblioteca scolastica e del bibliotecario scolastico e il loro rapporto con i servizi bibliotecari di pubblica lettura presenti sul territorio.

La presente petizione, promossa da Torinoretelibri e dai suoi partner (Circoscrizione 3 Torino, Circoscrizione 4 Torino, Circoscrizione 7 Torino, I.T.E.R. - Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile, biblioteca civica “Milone Tancredi” Venaria Reale )

ha raccolto a oggi il sostegno dei seguenti Enti e Associazioni:

Salone Internazionale del Libro di Torino

Forum del Libro

IASL Europe, International Association of School Librarianship

AIB, Associazione Italiana Biblioteche

Matera 2019 - Capitale europea della cultura

ALI, Associazione Librai Italiani

SIL, Sindacato Italiano Librai

Gruppo Nazionale NATI PER LEGGERE

GRIBS, Gruppo di ricerca sulle Biblioteche scolastiche

CONBS, Coordinamento nazionale bibliotecari scolastici

IBBY Italia, International Board on Books for Young People

RBS Vicenza, rete biblioteche scolastiche

Rete per la promozione della Lettura Provincia di Potenza

Bibliomediascuole - biblioteche scolastiche di Padova

Libera Biblioteca PG Terzi

Marcos y  Marcos

Notes Edizioni

Il Castoro

Sinnos Editrice

Minibombo

ANDERSEN, rivista di letteratura e illustrazione per il mondo dell’infanzia

La Vita Scolastica, la rivista della scuola primaria

Scuola dell’infanzia – Giunti Scuola

Il Pepeverde,  rivista di letture e letterature per ragazzi

Insegnare, rivista on line del CIDI

LiBeR, trimestrale di informazione bibliografica

Coordinamento delle Librerie per ragazzi (La Libreria dei Ragazzi di Milano, Nuova Libreria il Delfino di Pavia, Libreria Coop Nautilus di Mantova, Libreria Volare di Pinerolo, Il treno di Bogotà di Vittorio Veneto (TV), Il libro con gli stivali di Mestre (VE), Libri e Formiche di Parma, La Libreria dei Ragazzi di Brescia, Libreria Spazio Terzo Mondo di Seriate (BG), Libreria Timpetill  di Cremona, Baobab Libreria dei Ragazzi di  Porcia (PN), Libreria dei Ragazzi il Mosaico di Imola (BO), Libreria Librambini di Vimodrone (MI), Libreria Galla+Libraccio di Vicenza)

ALIR, Associazione Librerie Indipendenti per Ragazzi

Cuccumeo, Libreria per Ragazzi, Firenze

Libreria dei Ragazzi di Torino

Gruppo Librerie 3Elle

Il Circolo dei Lettori - Torino

ICWA, Italian Children's Writers Association - Associazione Scrittori Italiani per Ragazzi

Associazione Scioglilibro Onlus

Equilibri, Cooperativa Sociale

Fuorilegge, Associazione culturale

Hamelin, Associazione culturale

Damatrà Onlus, promotori della lettura

Gruppo LiberaMente Verbania

Qualcunoconcuicorrere.org

LaAV Letture ad alta voce

Osvaldo Soriano Football Club ( Nazionale scrittori)

A.Ge. Piemonte

A.Ge. Torino

A.Ge. Val Sangone - Giaveno

 

Questa petizione è stata notificata a:
  • Segretario del Partito Democratico
    Matteo Renzi
  • Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
    Dario Franceschini
  • Al Signor Presidente del Consiglio MATTEO RENZI
  • Al Signor Ministro del MIBACT DARIO FRANCESCHINI
  • Al Signor Ministro del MIUR STEFANIA GIANNINI


Torino ReteLibri ha lanciato questa petizione con solo una firma e ora ci sono 7.207 sostenitori. Lancia la tua petizione per creare il cambiamento che ti sta a cuore.




Oggi: Torino conta su di te

Torino ReteLibri ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Per leggere e fare ricerca nella scuola italiana come in Europa". Unisciti con Torino ed 7.206 sostenitori più oggi.