Stop allevamenti intensivi Stop intensive farming

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


 ITA - ENG -SPA

ITA

Agnelli macellati senza stordimento.
Pulcini su rulli industriali strappati alla madre per essere smembrati.
Galline appese per le zampe per ore per poi venire decapitate, o stipate in capanni in cui non possono nemmeno muoversi o respirare.
Tutto questo per poi buttare la carne che ogni giorno compriamo e sprechiamo.
Chi compra ha le mani sporche e sostiene questo tipo di mercato che mette al primo posto il denaro senza considerare la sofferenza disumana che provoca.
Non c'è pietà, non c'è compassione, non c'è rimorso. Voltarsi dall'altra parte non è più un opzione. Il mondo si può cambiare ed è nostro diritto e dovere farlo.

chiedo:
l'abolizione di qualsiasi pratica, su animali da allevamento, che non rispetti l'etologia dell'animale stesso.
L'animale deve vivere in condizioni ambientali che riflettano le naturali condizioni in cui dovrebbe trovarsi.
Nella fattispecie:
+spazi adeguati, sia per il pascolo che per il riposo notturno, che non permettano la sola sopravvivenza, ma che garantiscano il benessere psicofisico dell'individuo.
+numero di membri per metro quadrato regolamentato, così da vietare il sovraffollamento e l'isolamento.
+alimentazione salutare, priva di componenti chimici nel giusto quantitativo e ad orari prestabiliti.
+cure e visite veterinarie adeguate e cadenzate (per gli animali già presenti in allevamento e ovviamente controllo alla nascita di ogni nuovo membro dei ruminanti).
+divieto di illuminazione artificiale al fine di tenere l'animale "attivo" più a lungo.

+personale molto più numeroso così da garantire la supervisione adeguata di tutti gli animali.

+visite a sorpresa da parte del Servizio di Sanità Pubblica Veterinaria e della maggiore organizzazione per il rispetto e benessere degli animali da allevamento, il CIWF.
+punizioni penali molto più severe per chi non rispetta queste norme, dal pagamento di una multa, alla vendita o chiusura dell'attività e infine alla carcerazione.

+chiedo inoltre che ogni privato cittadino, consumatore, possa visitare l'allevamento su richiesta in modo da sincerarsi che le condizioni siano rispettate e quindi da poter decidere se sia il caso o no di continuare il consumo di un prodotto.

 

ENG

Lambs slaughtered without stunning.

Chicks on industrial rollers torn from the mother to be dismembered.
Hens hung by their legs for hours and then beheaded, or crammed into huts where they can not even move or breathe.
All this and then throw the meat that we buy and waste every day.
Those who buy have their hands dirty and support this type of market that puts money first, without considering the inhuman suffering it causes.
There is no mercy, there is no compassion, there is no remorse. Turning to the other side is no longer an option. The world can be changed and it is our right and duty to do so.

 

SPA

Corderos sacrificados sin aturdimiento.
Polluelos en rodillos industriales arrancados de la madre para ser desmembrados.
Las gallinas cuelgan de sus piernas durante horas y luego las decapitan, o se amontonan en chozas donde ni siquiera pueden moverse o respirar.
Todo esto y luego arrojar la carne que compramos y desperdiciamos todos los días.
Aquellos que compran tienen las manos sucias y apoyan este tipo de mercado que prioriza el dinero, sin considerar el sufrimiento inhumano que causa.
No hay piedad, no hay compasión, no hay remordimiento. Pasar al otro lado ya no es una opción. El mundo puede cambiarse y es nuestro derecho y deber hacerlo.



Oggi: Elena conta su di te

Elena Marilyn ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "People for the Ethical Treatment of Animals (PETA): Stop allevamenti intensivi". Unisciti con Elena ed 1.320 sostenitori più oggi.