STOP AI FUOCHI D'ARTIFICIO E ALLA VENDITA INDISCRIMINATA DI PETARDI A CAGLIARI

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Ancora una volta purtroppo, si sta pensando di festeggiare l'ultimo giorno dell'anno con l'esplosione di fuochi d’artificio nella Città di Cagliari, dopo anni di giusto e corretto divieto.

A questo si aggiungeranno come sempre i petardi scoppiati dai nostri concittadini, venduti nel mese di dicembre in tutte le strade della città, nonostante i divieti di legge.

Tutto questo costituisce un vero incubo per molti cani e gatti, che possono essere colpiti da veri e propri attacchi di panico. Ancora troppe poche persone sanno infatti che la percezione dei rumore da parte degli animali è molto diversa da quella dell'uomo. Infatti i cani, oltre a sentire vibrazioni comprese tra 20 mila e 40 mila Hz (l’uomo non sente quelle che superano i 20 mila), sentono a un volume doppio del nostro.

Senza contare l'effetto devastante che produce l'odore dei materiali di cui fuochi e petardi sono composti, che per noi è sicuramente marginale.

Ed ecco che tutto questo produce negli animali stati di ansia e terrore che possono portare alla morte immediata, nel caso di cani anziani o sofferenti, oppure fughe improvvise con successiva perdita di orientamento e, purtroppo accade, anche la loro morte per investimenti stradali...

Chiediamo pertanto al Sindaco Paolo Truzzu, qualora trovasse i fondi per i fuochi d'artificio, di destinarli

A) ad una campagna di sensibilizzazione nelle scuole per far conoscere ai bambini e ai giovani gli effetti devastanti di queste pratiche su cani e gatti

B) al Corpo di Polizia Municipale per lo smantellamento di bancarelle abusive di vendita di ogni genere di esplosivo.