PETIZIONE CHIUSA
Diretta a Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi ed a(d) 3 altri

No alla riduzione retroattiva degli incentivi sul fotovoltaico

Dai mezzi di informazione si apprende del provvedimento del Governo italiano volto a modificare il pagamento degli incentivi al fotovoltaico garantiti dai vari Conto Energia I, II, III, IV e V (D.L. 24 giugno 2014, n.91 art.26), il cosiddetto spalmaincentivi.

Questo è un provvedimento alquanto discutibile per i seguenti motivi.

In primo luogo l'Italia fa fatica ad attrarre investimenti dall'estero anche per via dell'estrema incertezza e variabilità del quadro normativo, con l'effetto di avere estrema aleatorietà sui ritorni dell'investimento effettuato. Questo provvedimento confermerebbe ulteriormente l'elevata aleatorietà delle norme italiane. Inoltre questa norma sarebbe retroattiva rispetto a contratti da anni in essere, per cui come si può pretendere che si investa in un paese in cui lo Stato modifica per legge i contratti ventennalli stipulati con migliaia di soggetti che hanno installato impianti fotovoltaici?

In secondo luogo il governo da un lato intende appianare i debiti pregressi delle pubbliche amministrazioni per un ammontare di 60 miliardi, e dall'altro intende rinviare di 5 o 7 anni i pagamenti per miliardi di euro a migliaia di soggetti che forniscono energia da fonte fotovoltaica in Italia, un evidente paradosso.

In terzo luogo si osserva che se gli incentivi venissero ridotti per mantenere invariato il ritorno dell'investimento effettuato, occorre tenere presente che un impianto fotovoltaico, come tutti gli impianti complessi, è soggetto a guasti che si possono presentare con maggiore probabilità verso il termine della vita dell'impianto. Essendo che gli impianti fotovoltaici hanno generalmente tempo di vita di 20/25 anni, oltre i 20 anni è molto probabile che vi siano dei guasti ai pannelli o all'inverter. Inoltre allungando il periodo necessario per avere la somma totale di incentivo previsto vi è maggiore probabilità che eventi naturali quali grandine o fulmine rovinino in modo irreparabile l'impianto fotovoltaico. Risulta quindi che il rischio dell'investimento effettuato potrebbe essere modificato al rialzo in corsa e questo deve essere adeguatamente tenuto in conto nel calcolo degli anni aggiuntivi che compenserebbero la riduzione dell'incentivo al kwh, al fine di garantire un rendimento adeguato all'aumentato rischio dell'investimento. Gli incentivi al kwh non sono soggetti a rivalutazione, ma rimangono fissi nel tempo, questo implica che il valore effettivo dell'incentivo al netto dell'inflazione diminuisce nel tempo.

Occorre poi aggiungere che il fotovoltaico ha contribuito, tramite ingenti investimenti privati, a consentire all'Italia di centrare sostanzialmente gli obiettivi del protocollo di Kyoto ed evitare costi che si sarebbero dovuti pagare nel caso di maggiore distanza dagli obiettivi di Kyoto, nonché a ridurre i rischi climatici legati al surriscaldamento globale.

Inoltre l'energia fornita dagli impianti fotovoltaici contribuisce fortemente a calmierare il costo all'ingrosso dell'energia elettrica, con beneficio indiretto anche sulle bollette per gli utenti finali.

La politica energetica dei prossimi 20 anni non può essere basata sulla rimodulazione di incentivi garantiti da contratti legalmente stipulati

Per i motivi sopra esposti i sottoscritti chiedono che il governo non modifichi gli incentivi per gli impianti fotovoltaici già entrati in funzione.

Questa petizione è stata notificata a:
  • Presidente del Consiglio dei Ministri
    Matteo Renzi
  • Presidente Consiglio Governo Italiano
    Matteo Renzi
  • Ministro Sviluppo Economico
    Dott.ssa Federica Guidi
  • Viceministro MiSE
    Claudio De Vincenti


Bartolomeo Nicolotti ha lanciato questa petizione con solo una firma e ora ci sono 1.593 sostenitori. Lancia la tua petizione per creare il cambiamento che ti sta a cuore.




Oggi: Bartolomeo conta su di te

Bartolomeo Nicolotti ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "No alla riduzione retroattiva degli incentivi sul fotovoltaico". Unisciti con Bartolomeo ed 1.592 sostenitori più oggi.