PETIZIONE CHIUSA

No al sito delle scorie nucleari in Sardegna

Questa petizione aveva 10.663 sostenitori


Premesso che:

 

  • la Sardegna ha la più alta concentrazione di servitù militari rispetto al resto d’Italia;
  • la Sardegna ha il più alto indice di inquinamento ambientale da attività industriali e militari;
  • lo Stato italiano ammette che la parte a mare del poligono di Teulada non è più bonificabile;
  • nessuna bonifica è stata mai eseguita nei poligoni militari in Sardegna;
  • lo Stato italiano non ha mai imposto le opportune tutele (fidejussioni) per le bonifiche dei siti industriali;
  • in questi ultimi 20 anni il Popolo sardo ha respinto qualsiasi tentativo di individuare zone della Sardegna per localizzare siti di interesse nazionale per lo stoccaggio di scorie nucleari;
  • il Popolo Sardo, a maggioranza, ha espresso la sua contrarietà sul nucleare con il referendum del 13 Giugno 2011;

 

  • tutto ciò premesso si diffida il Governo Italiano dal prendere in considerazione qualsiasi ipotesi di transito e stoccaggio di scorie radioattive nel territorio sardo e si invita la Regione Autonoma della Sardegna e i suoi organi preposti a vigilare sulla tutela ambientale del nostro territorio e sulla salute dei cittadini, e a respingere qualsiasi provocazione che possa identificare la nostra isola come possibile pattumiera nucleare.


Oggi: Sardigna conta su di te

Sardigna Libera ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "No al sito unico per le scorie nucleari in Sardegna". Unisciti con Sardigna ed 10.662 sostenitori più oggi.