NO AL 41bis PER NADIA LIOCE

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


PER LA DIFESA DELLE CONDIZIONI DI VITA DELLE PRIGIONIERE POLITICHE

Chiediamo la difesa delle condizioni di vita di Nadia Lioce, unica donna, prigioniera politica, sottoposta da circa 12 anni a un duro regime di 41bis.

Detenuta nel carcere Le Costarelle di L'Aquila  in una condizione d’isolamento totale e perenne, condannata al silenzio in una cella blindata, le è concessa, senza le varie sanzioni disciplinari eseguite con l'interruzione di un solo giorno l'una dall'altra, solo un'ora d'aria, spesso da sola, senza possibilità di farsi compagnia neanche con un libro.

Le è vietato detenere libri o riviste in cella e di riceverne dall’esterno, le viene sottratto materiale cartaceo.

La sezione femminile del carcere speciale de L’Aquila è tristemente nota per le condizioni detentive di gran lunga peggiori delle sezioni a 41bis di altre carceri, che riserva alle donne perquisizioni corporali quando si esce dalla cella nell’unica ora quotidiana, totale divieto di comunicare tra detenute, corrispondenza con l’esterno praticamente inesistente per la forte censura.

Sono condizioni che ledono completamente i diritti umani, i diritti delle donne.

E verso Nadia Lioce è una repressione da parte dello Stato, che ha anche lo scopo di punire una donna che continua a ribellarsi.

In questo ultimo anno le condizioni detentive già gravi di Nadia Lioce, sono addirittura peggiorate. Oltre ai libri, neanche i vaglia per comprarseli tramite il carcere le vengono consegnati, in un istituto di pena, quello abruzzese, dove manca persino un garante dei diritti dei detenuti.

Con la sentenza della Corte Costituzionale dell’8.02.17, n° 122, questa “tortura bianca” è stata dichiarata legittima e definitiva, nonostante il parere contrario della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato, che nel 2015 ha fatto anche una interrogazione parlamentare per l'accanimento repressivo nei confronti di Nadia Lioce.

Riteniamo questa “condanna al silenzio” un inaccettabile sacrificio della dignità umana e chiediamo la sua immediata fine.



Oggi: Movimento Femminista conta su di te

Movimento Femminista Proletario Rivoluzionario ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "NO AL 41bis PER NADIA LIOCE". Unisciti con Movimento Femminista ed 2.583 sostenitori più oggi.