Emergenza COVID-19 all’ospedale di Siracusa

0 hanno firmato. Arriviamo a 15.000.


Chiediamo che vengano rimossi immediatamente il direttore generale e il direttore sanitario dell’Azienda Sanitaria di Siracusa.

Abbiamo riscontrato guardando la puntata di lunedì 6 aprile del programma Report che a Siracusa l’emergenza Covid-19 viene gestita con delle enormi lacune procedurali. Molti cittadini non si sentono tranquilli e chiedono un sistema sanitario adeguato a contrastare questa epidemia.

A Siracusa quanto visto su Report non tranquillizza i cittadini siracusani e da un’immagine del sistema sanitario siracusano al quanto deficitario.

Avevamo un mese di vantaggio sui contagi e non è servito per porre in essere le migliori soluzioni che avrebbero consentito di limitarli almeno nel nostro territorio.

Dalla gestione del Pronto Soccorso alla gestione dei tamponi. Il virus si è propagato all’interno dell’Ospedale Umberto I contaminando anche reparti sensibilissimi come quello di oncologia. Se ci fosse stata maggior celerità nell’effettuare i tamponi probabilmente avremmo avuto a Siracusa anche qualche decesso in meno.

Chiediamo inoltre, al governatore Musumeci e all'assessore alla Sanità, Razza, di spiegare perché non è stata fatta alcuna ispezione nei principali ospedali dell'isola quando è nata l'emergenza, allo scopo di verificare l'adeguatezza dell'organizzazione e delle misure di sicurezza per la salute di medici, infermieri, operatori sanitari e pazienti, ma si è provveduto solo dopo che è emerso il caso drammatico di Rizzuto.

Inoltre, cosa altrettanto grave, chiediamo perché si è atteso così tanto tempo, nonostante l'emergenza, per autorizzare i laboratori di analisi utili a esaminare i tamponi, come emerso dal servizio della trasmissione Report e confermato dallo stesso direttore dell'Asp, Ficarra.

Chiediamo al governatore di pensare meno ai pieni poteri su esercito e polizia, e di occuparsi della Sanità rispetto al quale la Regione è già titolare di pieni poteri, impegnandosi a far funzionare al meglio i presidi sanitari e a controllare il loro funzionamento e l'adeguatezza di chi li gestisce.