ROMA MUNICIPIO II - QUARTIERE TRIESTE - MODIFICA CAPOLINEA E PERCORSO LINEA ATAC 89

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


Da lunedì 12/02/2018 ATAC S.p.A. ha modificato il capolinea della linea 89, che attraversa il Quartiere Trieste, spostandolo da via Makallè a via Bressanone e, conseguentemente, ha rimodulato il percorso della linea.

Posto che i punti più estremi del percorso sono rappresentati dalle fermate "Clodio" e "Makallè", e che nelle suddette fermate si erano giustamente collocati i due capilinea, il provvedimento richiesto dal Consiglio Municipale Roma II ha determinato una situazione tanto paradossale quanto illogica: collocando il nuovo capolinea (Bressanone) in una posizione intermedia rispetto ai due estremi naturali (Clodio e Makallè), i passeggeri che salgono alla fermata Makallè e alle fermate limitrofe (Via Tripoli e Via Asmara) sono costretti a terminare il percorso dopo solo qualche minuto di viaggio in Via Bressanone. Qui i bus (già pieni) si attestano e attendono a porte aperte per 5-10 minuti, per poi ripartire verso Corso Trieste.

Pertanto, la linea perde la funzione di collegare gli abitanti delle aree limitrofe a via Makallè e via Tripoli che sono diretti verso Corso Trieste, Flaminio e Clodio, costringendoli ad una sosta forzata alla fermata di via Bressanone.

La modifica è dunque del tutto illogica, irragionevole e causa numerosi disagi (e perditempo) agli utenti della linea.

Il Consiglio Municipale Roma II, nel deliberare il nuovo percorso o non ha ben considerato l'analisi dei flussi della domanda (i flussi dei passeggeri) e previsto le conseguenze che ne sarebbero derivate oppure ha scientemente optato per una soluzione che non favorisce gli utenti del quartiere implicando una condizione di disagio, soprattutto nelle corse del mattino.

Si sottolinea che le buone norme di progettazione dei sistemi di trasporto (cfr. Teoria e Metodi della ingegneria dei sistemi di trasporto, Cascetta E. 1998; Modelli per i sistemi di trasporto. Teoria e applicazioni, Cascetta E. 2006) prevedono sempre che i capilinea siano posizionati agli estremi del percorso.

Non è quindi chiara la ratio della scelta di far attendere in sosta per 5-10 minuti in Via Bressanone direzione “Clodio” un bus già riempitosi di utenti presso il vecchio capolinea (Via Makallè) e alle fermate ad esso limitrofe (Via Tripoli, Via Asmara);

Gli utenti diretti in centro e in sosta alla fermata in Corso Trieste “S.Agnese/Annibaliano”, e che avevano precedentemente come insieme di scelta le linee  38, 80 e 89, sono oggi costretti ad utilizzare solo i bus 80 e 38 (che arrivano già pieni dalla periferia) oppure, vedendo arrivare la linea 89 da Via Asmara, lasciano di corsa detta fermata, attraversando – non senza pericolo e in assenza di strisce pedonali- Corso Trieste;

Non è chiaro a beneficio di chi sia stato modificato il percorso poiché, qualora la necessità fosse stata quella di far transitare la linea per Via Bressanone e via di Santa Costanza, lo stesso obiettivo si sarebbe potuto ottenere lasciando invariati i capilinea originali;

Non è chiaro se la scelta di collocare uno dei due capilinea (via Bressanone) all’interno del percorso sia di carattere temporaneo;

Non è chiaro se la scelta di collocare uno dei due capilinea (Via Bressanone) in posizione intermedia rispetto ai naturali estremi sia preparatoria all’introduzione di una linea circolare con medesimo percorso dell’attuale e con unico capolinea presso “Clodio”;

La richiesta di spostamento del capolinea e di modifica del percorso della linea è stata avanzata nell’ambito della commissione Consiliare VI – Ambiente, Mobilità, Decoro Urbano, nella seduta del 13.10.2017 che ha espresso parere favorevole all’unanimità dei presenti (Consiglieri Manfredi, Ferraresi, Rossi, Signorini, Tabacchi, Montagna, Bertucci), e poi approvata dal Consiglio del Municipio Roma II  all’unanimità dei presenti (Consiglieri: Andreoli, Boca, Bogino, Capraro, Caracciolo, Casini, Cortese, Ferraresi, Leccese, Manfredi, Manno, Rollin, Rossi, Di Tursi, Fois, Gagliassi, Scicchitano, Signorini, Tabacchi)

Pertanto, si chiede al Municipio Roma II nella persona del Presidente Francesca del Bello, del Presidente del Consiglio Valerio Casini, dell’assessore alla mobilità del Municipio Gian Paolo Giovannelli, all’Agenzia Roma Servizi per la Mobilità, all’ATAC S.p.A. di rivedere tale provvedimento e di ripristinare il percorso precedente, nell’interesse maggiore di tutti gli utenti colpiti ingiustamente dal provvedimento.



Oggi: Giulio conta su di te

Giulio Ferraro ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Municipio Roma II: ROMA - QUARTIERE TRIESTE - MODIFICA CAPOLINEA E PERCORSO LINEA ATAC 89". Unisciti con Giulio ed 116 sostenitori più oggi.