Vittoria confermata
Diretta a Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ed ad 1 altro/a

Mucche torturate e batteri letali: "no" a un altro #macellodegliorrori

La legge è uguale per tutti, ma con gli animali l'uomo fa quello che vuole. Arriva perfino a non applicare le leggi che si è dato. Così può accadere che vacche destinate al macello vengano trascinate con catene, fatte strisciare sul pavimento, trasportate e buttate a terra con il muletto o spinte con la forca. Tutte azioni illegali, sotto gli occhi di veterinari consenzienti.

Alcune settimane fa ho raccontato in una video-inchiesta per Servizio Pubblico ciò che accadeva nel macello Italcarni di Ghedi, in provincia di Brescia, oggi sotto sequestro: un "macello degli orrori", specializzato in mucche a terra, dove gli animali venivano maltrattati e torturati. In seguito alla segnalazione di una veterinaria, la procura di Brescia ne ha filmato per un mese le attività, portandone alla luce le pratiche crudeli, dolorose per i bovini e dannose anche per la carne che ne deriva.

Per legge, gli animali che non riescono a deambulare ma che raggiungono comunque il mattatoio, andrebbero macellati direttamente sul camion che li ha trasportati, oppure portati con apposite barelle che non li facciano soffrire. A Italcarni questo non succedeva. Nelle riprese disposte dal pm Cassiani, si vedono operai che attaccano catene alle zampe di mucche vive, trascinate poi con il muletto e buttate a terra; altri filmati mostrano il proprietario del macello che spinge le vacche alla linea di macellazione con una forca senza i lembi protettivi.

Quando ho visto per la prima volta queste immagini, vi confesso di aver pianto. Poi ho provato rabbia: come è stato possibile? Perché nessuno ha controllato? Ho promesso, allora, che non avrei mollato l’osso. Il ministero della Salute, da cui dovrebbero dipendere i controlli, non può più restare in silenzio. E deve fare luce sugli altri macelli: Italcarni è un caso isolato?

Non è solo un problema di maltrattamento. Secondo la procura di Brescia, infatti, queste pratiche avrebbero infettato anche la carne: l'Istituto Zooprofilattico di Torino ha trovato cariche batteriche 50 volte superiori a quelle consentite dalla legge e due salmonelle pericolosissime, Livingstone e Agama, che possono uccidere l'uomo. Possibile che per fermare il commercio di carne così dannosa, per l'ennesima volta si sia dovuto aspettare l'intervento della magistratura?

Per questo, come già richiesto dalla Lav, è necessario che la ministra della Salute Beatrice Lorenzin istituisca con urgenza una commissione di inchiesta sulle condizioni degli animali negli allevamenti e nei mattatoi. Una commissione guidata da ispettori indipendenti dell'ufficio veterinario della Commissione europea che aiuti a riportare la legalità, il rispetto degli animali e la salubrità della carne in commercio. Non vogliamo più altri macelli degli orrori.

Questa petizione è stata notificata a:
  • Ministro della Salute
    Beatrice Lorenzin
  • Ministro della Salute
    Beatrice Lorenzin


    Giulia Innocenzi ha lanciato questa petizione con solo una firma e ha vinto con il aiuto di 157.419 sostenitori. Lancia la tua propria petizione per creare il cambiamento cui ti preoccupi.




    Oggi: Giulia conta su di te

    Giulia Innocenzi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Mucche torturate e batteri letali: "no" a un altro #macellodegliorrori @bealorenzin". Unisciti con Giulia ed 157.418 sostenitori più oggi.