GELA: cucciolo innocuo e indifeso massacrato a sassate

0 hanno firmato. Arriviamo a 10.000.


Un cucciolo indifeso che cercava attenzioni e una famiglia, massacrato e preso a sassate. Il cagnolino in questione era stato trovato da una ragazza che ha subito provveduto a rifocillarlo e ha improvvisato per lui un posto sicuro. Ritornata la sera la ragazza, purtroppo trova il corpo del cuccioli immobile, freddo, privo di vita, con la testa cosparsa di sangue.

Un'altra anima che non faceva del male a nessuno è stata vittima dell'odio umano. I volontari si sono appellati al sindaco affinché la piaga del randagismo venga risolta.

Il Movimento Animalista Sicilia si unisce alle richieste dei volontari di Gela, chiede Giustizia, chiede che venga fatta chiarezza su ciò che è successo quella notte, chiede maggiore prevenzione e sicurezza e chiede ESPLICITAMENTE AL SINDACO COLLABORAZIONE.

I volontari operano sul territorio di Gela senza alcuna convenzione, non usufruiscono delle sterilizzazioni gratuite da parte dell'Asp, non si organizzano giornate di microchippatura gratuita.

Il sindaco di Gela, l'Ing Domenico Messinese, deve assumersi l'impegno di risolvere il problema randagismo, non può assolutamente mostrarsi incosciente e superficiale di fronte alla cattiveria umana: troppe anime stanno soffrendo!

CHI UCCIDE UN CUCCIOLO È UN ASSASSINO!

#Gela #movimentoanimalistasicilia



Oggi: Movimento Animalista Sicilia conta su di te

Movimento Animalista Sicilia ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Movimento Animalista Sicilia: GELA: cucciolo innocuo e indifeso massacrato a sassate". Unisciti con Movimento Animalista Sicilia ed 8.574 sostenitori più oggi.