Diretta a Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti ed a(d) 3 altri

Bonifica del Monte Limbara, Ex Base USA - USAF, da materiale inquinante.

0

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.

Tempio Pausania, 26 Aprile 2015

Alla cortese attenzione:

 

  • Egregio Signor Ministro Gian Luca Galletti
  • Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
  • Regione Autonoma della Sardegna

Egregio Signor Ministro ed Istituzioni Pubbliche,

Vi scrivo da Tempio Pausania (Olbia-Tempio), Sardegna.


Mi vedo costretto a scrivervi in merito ad un "annoso" problema che incombe sulla nostra cittadina.

Vi parlo brevemente di una EX BASE "USAF" di cui dispongo di foto scattate qualche giorno fa in loco.

Questa base è stata utilizzata degli Americani tempo fa per operazioni Militari Radio (USAF), ed era totalmente autonoma da ogni punto di vista, elettrico, idrico e fognario, una vera e propria cittadina ma che ora verte in uno stato di totale abbandono e degrado, il che nella popolazione in passato ha destato non poca preoccupazione e ancora ne desta, in quanto non mi è ben chiaro se all'interno delle cisterne presenti, sia all'esterno che all'interno del complesso, si trovino ancora sostanze chimiche e quindi presumo inquinanti.

E' stato effettuato nel 2012 un sopralluogo da parte dei tecnici della ARPAS, escludendo pericolo per le persone (da quanto apparso sui giornali) solo per UN' EVENTUALE presenza di amianto, vedi articolo:

La Nuova Sardegna - Articolo 14 Luglio 2014


La Nuova Sardegna - Articolo 23 Dicembre 2012

Il risanamento (è proprietà regionale) ovviamente non è mai stato avviato, mettendo in pericolo sia l'incolumità di chi vi si addentra all'interno, perché nessun ostacolo delimita il passaggio o l'ingresso, nessun cartello ne vieta il passo, ma anche per la presenza di alcune parabole (n. 6) abnormi (parlo di svariati metri di altezza e larghezza, addirittura 20m x 20m o forse più) utilizzate a suo tempo per trasmettere segnali radio, le quali potrebbero essere fatte volare a rilevante distanza per la presenza del forte vento nella zona e il degrado che si sta abbattendo sull'intera struttura (gran parte dei tralicci si sta degradando a causa della ruggine).

Per non dimenticare poi ciò che all'interno si nasconde...

Cisterne inquietanti (In stato di ossidazione) che se ancora nascondessero dei liquidi chimici (cosa che credo sia possibile in quanto è stata abbandonata perfettamente funzionante ma tuttavia non sono certo del loro contenuto), mi farebbe rabbrividire in quanto andrebbe a riversarsi su un terreno incontaminato e ricco di sorgenti, dove a valle viene prelevata acqua ad uso potabile dall'intera collettività e non vorrei che per uno stato di disinteresse o di poco interesse per l'ambiente in cui vivo, quest'ultimo debba essere inquinato, causando la perdita di un patrimonio imponente.

All'interno del complesso fatiscente, nell'ordine, ho rinvenuto cisterne di: 

  • DOWANOL,
  • Glycol (Glicole Etilenico),
  • OIL STORAGE TANK,
  • BATTERIE ESAUSTE,
  • GAS trifluorometilbromuro (CF3Br) quantità totale di 6 KG Bombole con manometro che ne segnala il livello, (il quale veniva utilizzato per la soppressione del fuoco) ritenuto dannoso per l'ozono.

Articolo qui:

I GAS. Gli effetti sul buco dell' ozono

Vi scrivo da cittadino, ma soprattutto da persona che ha a cuore la salute della sua terra, dell'ambiente e delle persone.


Spero che questa storia più volte dimenticata, grazie al vostro aiuto, finalmente venga risolta o quantomeno messa in sicurezza per l'ambiente e per le persone che vivono con il pensiero di avere nella propria montagna, forse una vera e propria bomba ecologica.

Pertanto vi chiedo cortesemente, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI, un INTERVENTO IMMEDIATO atto alla:

RIMOZIONE di eventuale materiale inquinante CHIMICO eventualmente presente nelle cisterne, che potrebbe causare inquinamento alle falde acquifere in caso di sversamento nel terreno.

  • RIMOZIONE delle bombole contenente GAS trifluorometilbromuro (CF3Br) in quantità totale di 6 KG
  • MESSA IN SICUREZZA della struttura e delle sue dipendenze collegate INSTALLANDO un CANCELLO ed APPONENDO un CARTELLO avvisando dei pericoli al suo interno e vietandone l'accesso (Chiunque vi si può addentrare ignaramente e si potrebbe fare molto male) 
  • RIMOZIONE delle parabole che POTREBBERO staccarsi e volare nelle strade sottostanti creando PERICOLO per le persone.
  • IMMEDIATO intervento di BONIFICA di tutta la zona.

Vi ringrazio per l'attenzione, sperando che non rimanga un appello caduto nel vuoto ma il problema venga finalmente risolto.  

Rimango a disposizione per ogni contatto e/o informazione.

Vi porgo i miei migliori saluti, con rinnovata stima e fiducia.

Fenu Nicola 

Cittadino Tempiese.



Oggi: Nicola conta su di te

Nicola Fenu ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Ministro Gian Luca Galletti, Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Regione Autonoma della Sardegna: Bonifica del Monte Limbara, Ex Base USA - USAF, da materiale inquinante.". Unisciti con Nicola ed 689 sostenitori più oggi.