Licenziamento in tronco per il bidello che ha ucciso un gatto a bastonate in classe

0 hanno firmato. Arriviamo a 150.000.


Gioia Tauro - Un bidello ha ucciso a bastonate un gatto entrato in un'aula nella scuola primaria 'Eugenio Montale' davanti i bambini. Il dirigente scolastico Francesco Bagalà aveva chiamato il bidello per fare uscire il gatto e invece di portarlo fuori l’addetto ha preso un bastone picchiandolo con efferatezza sotto gli occhi dei bambini. Il gatto è morto dopo un’ora d’agonia. La delegata degli Animalisti Italiani Maria Antonia Catania ha denunciato la vicenda al Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Calabria Antonio Marziale, che ha contattato il dirigente scolastico. Quest’ultimo ha replicato che il bidello andrà in classe a chiedere scusa ai bambini.
A noi le scuse del bidello non bastano!
Pretendiamo che venga licenziato in tronco, a causa del suo comportamento è opportuno non abbia più a che fare con bambini e denunciato. Richiediamo venga applicato il massimo della pena e delle sanzioni visto che in base all'art. 544-ter del codice penale oltre ad aver sottoposto a sevizie e maltrattamento un animale, ne ha cagionato la morte. Non ha avuto nessuna pietà e nessuna pietà deve essere usata nei confronti di chi si è comportato in modo crudele uccidendo un esserino inerme con inaudita crudeltà. Il gatto è rimasto in agonia senza che nessuno lo aiutasse e anche su questo si dovrebbe indagare, capire come mai nessun adulto sia intervenuto, forse con un soccorso immediato il povero gattino si poteva salvare. Dov’erano le maestre, il dirigente e il personale scolastico? Possibile che il bidello abbia agito in modo indisturbato, bastonando un gatto che sicuramente avrà miagolato, urlato per il dolore??? I bambini pare abbiano ripreso con i cellulari la scena e mi chiedo quanto siano rimasti sconvolti dall’accaduto. Impensabile che venga consumata una violenza nel luogo di norma sicuro: la classe di una scuola. Il luogo in cui dovrebbero essere educati e formati, oggi è stata un’arena, con una vittima per mano dell’uomo.

La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa ricevere in dono ~Charles Darwin