Richiamo carabinieri ausiliari in congedo che ha un età di 35-45 anni

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


Per combattere la criminalità richiamo straordinario dei carabinieri ausiliari in congedo che oggi hanno 35/45 anni. Sono ancora giovani e carichi di buoni propositi

 

RICHIAMO STRAORDINARIO CARABINIERI AUSILIARI IN CONGEDO

 

La sicurezza pubblica si basa essenzialmente sul controllo sistematico del territorio, che in nessuna sua parte deve essere ceduto alla Criminalità.

L’Italia è l’unico paese in Europa a possedere una forza di polizia capillarmente distribuita su tutto il territorio nazionale. L’Arma dei carabinieri ha una organizzazione territoriale con circa 4.608 Comandi di Stazione, presidi capillarmente presenti in quasi tutti i Comuni del territorio nazionale , che però per circa la metà, a causa di carenza organica funziona ad orario ridotto assistendo progressivamente ad una desertificazione della  presenza dello Stato sul territorio nazionale togliendo la SicurezzaPubblica Ravvicinata ai Cittadini;

Per cui, questi preziosi Comandi Stazione territoriali, che hanno fatto la storia d’Italia, non espletano il loro insostituibile compito di vigilare sistematicamente il territorio assistendo alla loro chiusura , avendo l’ Arma dei Carabinieri una carenza organica circa 9000 unita .   Inquesto senso sarebbe utile modificare Codice dell’Ordinamento Militare , Arma  dei Carabinieri che hadifferenza degli altri corpi di Polizia ,presenta un'anomalianella legislazione , per la quale non accetta istanze di riammissione in servizio da parte di personale volontario in  ausiliaria , cessato dal servizio della durata ferma, a seguito delle nuove  integrazioni e disposizioni  della entrata in vigore della legge  226/2004 ,del citato Decreto Legislativo 15 marzo 2010 n.66, di cui ai sensi dell'articolo 961,secondo le modalità dell’art.2199 il quadro normativo viene disciplinato in  uno strumento militare interamente professionale, ed i posti disponibili annualmente messi a Concorso vengono riservati ai volontari in ferma prefissata di un anno ( VFP1-VFP4) provenienti dall’Esercito.
Del personale  in questione si è fatto ricorso al loro reclutamento volontario a tempo determinato per cui, gradualmente, sono stati reclutati e collocati in congedo  ,determinando un numero considerevole  di Carabinieri  Ausiliari, che, pur avendo acquisito notevoli esperienze e capacità professionali, oltre ad aver operato in diversi situazioni di impiego, anche all’estero, oggi si trovano in una forma di sottoccupazione se non di disoccupazione.

Per restituire ai Comandi Stazioni Carabinieri la loroefficienza e ripresa al completo funzionamento, occorre richiamare in servizio il personale militare ausiliario in questione, che ha operato nelle Forza Armata, per un periodo minimo di un anno congedato senza Demerito.

Al fine di Coordinare le attività di reclutamento appare altresì opportuno istituire il “Comando Interforze di Riserva”

                                                            Articolo 1

1. Per restituire piena funzionalità operativa ai Reparti eStazioni Carabinieri, si procede al richiamo straordinario di personale che ha prestato servizio, senza demerito, nella Forza Armata ;

2. Il richiamo ha una durata di anni quattro.

3. Il personale richiamato, se ha svolto il suo servizio con capacità e professionalità, riconosciute con la classifica nelle valutazioni note caratteristiche risultato idoneo allapermanenza in servizio , è trattenuto in servizio transitando nel ruolo degli effettivi.

4. Il richiamo può avvenire solo su disponibilità e accettazione degli Interessati.

5. Il personale Richiamato può mantenere il grado rivestito nella posizione in congedo norme previste per i  militari volontari collocati in congedo, ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 1964 n. 237, in base art.119  , che porta vincoli di servizio  dalla data dell'arruolamento  sino al 31 Dicembre dell'anno in cui compiono il  45° anno di età ;

6.  Il personale richiamato entra far parte di provvedimenti  che si costituiscono all'emergenza di carattere coercitivodella Forza Armata, viene istituita  una            “Riservavolontaria” dei militari di truppa ,  applicando  art.986 del Codice Ordinamento Militare dal combinato disposto dell’art.988 del Decreto del Ministro della Difesa  del 18 Aprile 2006  , Per le medesime esigenze al fine di garantire la funzionalità e l’operato dei comandi, degli enti e delle unità dell’Arma dei carabinieri, sul territorio Nazionale , di cui sarà autorizzato un (Corso-Concorso) della durata di almeno tre mesi , al termine del quale sarà immesso nel proprio ruolo logistico- operativo, sempre che sussistano vacanze organiche.

                                                             Articolo 2

A) Al fine di coordinare le esigenze operative dell’Arma dei Carabinieri , da alimentare con personale in ausiliario viene istituito un

“Comando Interforze di Riserva “

B) I compiti e le funzioni di questo Comando sono fissati con specifico regolamento da attuare entro 90 giorni dall’entrata in vigore della presente legge;

 

 

Carabinieri Ausiliari Uniti in Congedo



Oggi: Carabinieri ausiliari uniti in congedo conta su di te

Carabinieri ausiliari uniti in congedo carabinieri ausiliari uniti in congedo ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "ministero difesa: Richiamo carabinieri ausiliari in congedo che ha un età , tra i 35/45. SONO ANCORA GIOVANI". Unisciti con Carabinieri ausiliari uniti in congedo ed 3.808 sostenitori più oggi.