L'insegnamento dell'italiano L2 affidato a professionisti in tutti gli ordini di scuola

L'insegnamento dell'italiano L2 affidato a professionisti in tutti gli ordini di scuola

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 1.000 firme!
Annalisa Lodrini ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Patrizio Bianchi (Ministro dell'Istruzione) e a

L'insegnamento dell'italiano a stranieri nelle scuole pubbliche italiane è, ormai da troppo tempo, ignorato o affidato a personale non competente, non formato e non aggiornato. A rimetterci sono senz'altro gli studenti stranieri ma anche la scuola e l'intera società. Bambini, ragazzi e adulti di origine straniera che ricevono un'istruzione adeguata hanno più strumenti per diventare migliori cittadini, integrati e con a cuore gli interessi del loro Paese di adozione: l'Italia. Un'istruzione adeguata passa dall'apprendimento della lingua e della cultura italiana. L'insegnamento di queste va affidato a professionisti qualificati e non a volontari improvvisatisi insegnanti, a docenti in pensione o ad insegnanti di altre materie. Senza indugi, a partire da questo anno scolastico, bisogna includere l'insegnamento dell'italiano L2 in tutti gli ordini di scuola, dalla primaria alle secondarie, non solo nei CPIA per la formazione degli adulti. La classe di concorso A023 va estesa a tutte le scuole che abbiano una presenza consistente di alunni stranieri da alfabetizzare, attraverso laboratori ad hoc, integrati con il percorso di studi e non appaltati a figure esterne. Inutile lamentarsi dei troppi studenti stranieri nelle scuole dei nostri figli. Migliaia di insegnanti  di italiano L2 qualificati aspettano di poter insegnare nelle scuole pubbliche italiane per fare la differenza e fornire un'istruzione adeguata e di qualità a questi futuri cittadini italiani.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 1.000 firme!