Promuova percorsi didattici capaci di educare alla Pace ed alla risoluzione nonviolenta dei conflitti e condanni esplicitamente ogni iniziativa che abbia a coinvolgere alunni della scuola nell'uso delle armi.

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


Sono frequenti gli episodi in cui alunni, anche della scuola primaria (6-10 anni), vengono invitati a visitare caserme delle Forze Armate ed effettuare prove di tiro a mano armata.     Alla scuola frequentata da mio figlio è capitato in concomitanza con la Festività del 4 Novembre.     Durante la visita presso la Caserma De Gennaro di Forlì ai bambini partecipanti è stata consegnata un'arma ad aria compressa con la quale cimentarsi nel "tiro al bersaglio" (così è stato definito nei documenti ufficiali dell'Istituto e così è stato confermato con risposta scritta all'interrogazione parlamentare presentata a proposito dal Ministro della Difesa che dichiara "...con riferimento alla visita presso la caserma «De Gennaro» di Forlì, lo Stato Maggiore dell'Esercito ha comunicato che fra le varie attività promozionali poste in essere per rendere più interessante tale iniziativa, era stata realizzata una linea tiro presso la quale poter far provare ai visitatori pistola e fucile ad aria compressa.
Detta attività, a margine di altre organizzate a carattere ludico-sportivo-militare e della mostra statica di mezzi e materiali dell'Esercito, era disponibile a titolo volontario e, per i minori di età, solo previa autorizzazione dei genitori. "
).

Quale l'obiettivo didattico? Quale la valenza pedagogica? 

Ai piccoli coinvolti in tale esperienza risulterà quasi impossibile comprendere che l'uso delle armi NON è un bel gioco.     

Forse è urgente porre un freno, prima che anche nel nostro Paese abbiano a verificarsi episodi tragici come quelli che sempre più frequentemente vengono presentati dagli organi di informazione sotto il titolo "Strage alla scuola...".

Forse è utile che attraverso i mezzi normativi più opportuni - siano promossi percorsi didattici capaci di educare seriamente e concretamente alla Pace ed alla risoluzione nonviolenta dei conflitti e, di pari passo, vengano condannate esplicitamente tutte le iniziativa che abbiano a coinvolgere alunni della scuola (anche primaria) nell'esaltazione e nell'uso delle armi.



Oggi: FRANCO conta su di te

FRANCO FERRARIO ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "ministero della difesa: Promuova percorsi didattici capaci di educare alla Pace ed alla risoluzione nonviolenta dei conflitti e condanni esplicitamente ogni iniziativa che abbia a coinvolgere alunni della scuola nell'uso delle armi.". Unisciti con FRANCO ed 2.044 sostenitori più oggi.