Ridiamo vita al Treno Storico Salento Express

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


Nel 2011 grazie all'associazione Aisaf Onlus di Lecce nasce il Treno Storico Salento Express con l'obiettivo di sviluppare nuove forme di turismo sui binari della Terra d'Otranto, recuperando antiche carrozze e locomotive destinate alla demolizione. Fino al 2015 il Salento Express, con una capienza di 300 viaggiatori, ha circolato in lungo e in largo nel tacco d'Italia con una media di un viaggio al mese, totalizzando più di sessanta viaggi. Importanti in questo senso sono stati i tradizionali viaggi verso il Presepe Vivente di Tricase, verso la Città Vecchia di Gallipoli per i riti del Venerdì Santo e il Treno dei Due Mari da Gallipoli Porto a Otranto. 

Dall'Ottobre 2015 a causa della crisi che ha investito le Ferrovie Sud Est, le revisioni del convoglio d'epoca sono state interrotte e da allora non è stato più possibile programmare alcuna iniziativa. Le richieste di fruizione da parte di turisti e tour operator (soprattutto esteri) continuano ad arrivare, in Italia il Turismo Ferroviario va a gonfie vele, ma in Puglia gli antichi rotabili, non avendo revisione, non possono circolare. 

Alcune carrozze o locomotive che sono state protagoniste del Salento Express oggi giacciono persino in stazioni non sorvegliate e sono gia state oggetto di atti vandalici.

RISCHIAMO DI VEDERLE COMPROMESSE IN MANIERA DEFINITIVA. 

Regione Puglia solo tu puoi stanziare le somme per ridare vita al Treno Storico Salento Express e al suo movimento turistico di qualità legato ai grandi numeri, linfa vitale per i nostri borghi soprattutto nei periodi di bassa stagione.

 



Oggi: Rotaie di Puglia conta su di te

Rotaie di Puglia ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Michele Emiliano: Ridiamo vita al Treno Storico Salento Express". Unisciti con Rotaie di Puglia ed 4.292 sostenitori più oggi.