Pétition fermée

Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome

Cette pétition avait 32 309 signataires


©Olivier Jobard/Myop

Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome

                              IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO

Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio.

Lo scopo di questa petizione è raccogliere milioni di firme per richiamare gli Stati membri al rispetto dei trattati che hanno stipulato.
 

La Dichiarazione universale dei diritti umani (1948) e la Convenzione di Ginevra (1951) sono state elaborate alla fine della Seconda guerra mondiale, che aveva costretto milioni di persone a fuggire dal proprio paese. L’obiettivo di questi trattati è proteggere gli individui che fronteggiano una simile situazione.

Oggi la tragedia si ripete per i milioni di persone che cercano rifugio in un’Europa che le respinge invece di aprire le porte.

   . Ci sono stati più di 4.000 morti annegati nel Mediterraneo da gennaio 2015.

  . 10.000 bambini migranti sono stati dichiarati dispersi.

  . La chiusura delle frontiere favorisce lo sviluppo delle reti mafiose: secondo le stime dell’Europol il giro d’affari dei traghettatori sarebbe di 6 miliardi di euro.

Dinanzi a questa situazione tragica, i governi dell’Unione europea (ad eccezione di Germania e Grecia) attuano misure che legittimano, di fatto, l’ideologia dell’estrema destra: ripiegamento sul territorio nazionale, paura dello straniero, razzismo.

Il loro rifiuto di attuare una reale politica di accoglienza aggrava la crisi umanitaria mondiale e li rende responsabili di un disastro umanitario.

In tutta Europa, dei gruppi di cittadini tentano di rimediare alle mancanze dei governi. A Calais, Chio o Lesbo, a Berlino, Colonia, Lampedusa, Londra o Parigi, e Stoccolma... volontarie e volontari si mobilitano in prima persona per raccogliere vestiti e cibo, accogliere le/i rifugiate/i, aiutarle/i a capire le lingue, le istituzioni, le strutture del paese in cui arrivano.

Sostengo e mi associo a queste iniziative. Voglio che i rappresentanti politici si rendano conto che siamo in tante e tanti a voler difendere i principi affermati nei testi fondamentali dell’Unione europea, a rifiutare le pretese dei partiti ultra-nazionalisti, a volerci unire per evitare la catastrofe politica e umanitaria causata dalla loro assenza di coraggio.

Firmo questo testo affinché i nostri governi accolgano tutte le persone che cercano rifugio in Europa.

Condividi la pagina di Facebook della petizione



O&O Bonis, C Lorenzoni, N Bonis, A Robatel, V Menzeluk, F Charles, A Pautrat, I Sanson, C Santo, R Rozentāle, S Teodoru, S Tersigni, M Misiorowska compte sur vous aujourd'hui

O&O Bonis, C Lorenzoni, N Bonis, A Robatel, V Menzeluk, F Charles, A Pautrat, I Sanson, C Santo, R Rozentāle, S Teodoru, S Tersigni, M Misiorowska a besoin de votre aide pour sa pétition “Martin Schultz-Presidente del Parlamento europeo: Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome”. Rejoignez O&O Bonis, C Lorenzoni, N Bonis, A Robatel, V Menzeluk, F Charles, A Pautrat, I Sanson, C Santo, R Rozentāle, S Teodoru, S Tersigni, M Misiorowska et 32 308 signataires.