LIBERI DI SCEGLIERE VEG

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


NO AL CERTIFICATO MEDICO PER I PASTI VEG NELLE MENSE SCOLASTICHE E NEGLI OSPEDALI!

In Italia vivono 5.382.000* cittadini vegetariani e vegani.

Tutti loro rischiano di dover presentare un certificato medico per poter mangiare negli ospedali e nelle mense scolastiche.
Questo “grazie” all’assurda proposta contenuta nelle nuove "Linee d'Indirizzo" dei Ministeri della Salute e dell'Ambiente per la ristorazione scolastica e ospedaliera.

È mai possibile che scegliere di vivere nel rispetto di animali, ambiente e salute debba essere considerato come una malattia, tanto da dover fornire un certificato medico?

Ognuno di noi ha il diritto di decidere che cosa trovare nel proprio piatto: nelle mense di scuole e ospedali i pasti sostitutivi devono essere garantiti a chiunque ne faccia richiesta, senza dover fornire certificati medici o attestati simili.

La proposta delle Linee di Indirizzo è gravemente discriminatoria: essere vegetariani o vegani è infatti un diritto (v. articoli, 2, 3 e 32 della Costituzione italiana)!
Se poi consideriamo che la carne rossa è stata qualificata come cancerogena e che gli allevamenti di animali destinati alla produzione di carne e di latticini sono tra le principali cause dei cambiamenti climatici, questa scelta si dimostra ancora più assurda: essere vegetariani o vegani dovrebbe essere incentivato dalle Istituzioni, e non il contrario!

Se questa proposta venisse approvata, annullerebbe inoltre quanto in vigore da anni con le Linee Guida per la Ristorazione Scolastica del 2010 e una Nota Ministeriale del 2016, che definiscono invece la scelta etica e culturale di essere vegetariani o vegani non sindacabile e non attestabile da un medico.

Per questo chiediamo ai Ministri della Salute Roberto Speranza e dell’Ambiente Sergio Costa di non firmare – poiché le rassicurazioni a voce non servono, non sono atti scritti - il Decreto attuativo delle nuove “Linee di indirizzo” e di rispettare il diritto fondamentale di chi decide di seguire un’alimentazione vegetariana o vegana.

Aiutaci anche tu a combattere questa battaglia di civiltà.

Firma subito la petizione!
*fonte Rapporto Eurispes 2020