PETIZIONE CHIUSA

La carta dei diritti degli animali di Milano

Questa petizione aveva 3.656 sostenitori


Milano deve diventare una città pet friendly. I nostri amici a quattro zampe (e i loro padroni) hanno dei diritti e devono poterli far valere in città, in un contesto di civiltà, rispetto reciproco e gioiosa convivenza.

Partendo dalla dichiarazione universale dei diritti degli animali firmata nel 1978 a Parigi presso la sede dell’Unesco, Gianluca Comazzi lancia una raccolta di firme per promuovere la Carta dei diritti dei cani, dei gatti e di tutti gli animali di Milano.

Firma anche tu, più siamo e più faremo sentire la nostra voce!

Gli animali non votano, fai sentire la loro voce votando Comazzi alle elezioni comunali di Milano.  A Milano ci sono circa 120 mila cani (dei quali meno di 100 mila registrati all’anagrafe canina) e 150 mila gatti.  Più della metà delle famiglie e dei single di Milano vive con un animale da compagnia.

Carta dei diritti di tutti gli animali di Milano

1.     Vogliamo che Milano venga certificata come una città pet-friendly (amica e ospitale verso gli animali, da compagnia e non) da un ente terzo e indipendente.

 2.     Vogliamo che per cani vengano garantite aree attrezzate di dimensione minima in ogni quartiere. Le aree debbono offrire la possibilità di giocare, abbeverarsi e permettere all’animale di muoversi nella sicurezza sua e degli accompagnatori. Ogni area deve avere una fontanella e deve essere illuminata adeguatamente.

 3.     Avere un animale da compagnia è una responsabilità: vogliamo che il Comune organizzi corsi di formazione nelle aree pubbliche su come si cura, educa e tiene in casa un cane o un gatto.

 4.     Vogliamo che i cani possano viaggiare sui mezzi pubblici senza restrizioni, garantendo la sicurezza di tutti i passeggeri.

 5.     Vogliamo che nel Comune di Milano sia vietata ogni forma di sfruttamento degli animali, sia vietato l’accattonaggio e vengano perseguiti i maltrattamenti attraverso un nucleo di guardie dedite a contrastare i reati contro gli animali.

 6.     Vogliamo che venga messo a punto un regolamento comunale che garantisca un insieme di diritti minimi degli animali nei condomini e che il Comune incentivi l’adozione dei cani e dei gatti ospitati nel Parco canile di Milano. Le colonie feline saranno riconosciute come patrimonio della città.

 7.     Vogliamo che venga riconosciuto anche giuridicamente il valore sociale e di compagnia, in particolare verso gli anziani, e che il Comune lo traduca in atti vincolanti, compresi incentivi fiscali verso chi ha un animale in casa, in conformità all’articolo 14 della dichiarazione Universale dei diritti dell’animale che sostiene che “I diritti dell’animale devono essere difesi dalla legge come i diritti dell’uomo”.

 8.     Vogliamo che il Comune incentivi bar, ristoranti, alberghi e negozi affinché permettano agli animali da compagnia di entrare e che siano tenuti a riservare una zona confortevole per loro con acqua e spazio per sostare. I ristoranti devono essere incoraggiati a lasciare ai clienti un vero doggy bag destinato al cane.

 9.     Il cane ha diritto alla compagnia dell’uomo ed è vietato lasciare l’animale da solo per più di 6 ore. Milano deve aiutare inoltre chi è in difficoltà economica nelle spese veterinarie attraverso l’istituzione della mutua per gli animali.

 10.  I sacchetti per raccogliere i bisogni dei cani devono essere disponibili gratuitamente e Amsa deve predisporre contenitori appositi e un servizio di ritiro dedicato per i sacchetti pieni, non solo in prossimità delle aree verdi.



Oggi: Gloria conta su di te

Gloria Brolatti ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "La carta dei diritti degli animali di Milano". Unisciti con Gloria ed 3.655 sostenitori più oggi.