RIMBORSI ITALO TRENO CORONAVIRUS

0 hanno firmato. Arriviamo a 10.000.


Alla luce del Decreto Emanato domenica 8 Marzo dal Presidente del Consiglio dei Ministri per la gestione del Coronavirus in Italia, molte compagnie di trasporti hanno garantito rimborsi integrali nel caso di viaggi in programma a cui i consumatori abbiano deciso di rinunciare. 

Ció non accade con ITALO Treno che ha garantito i rimborsi ai propri clienti solo nel caso in cui il viaggio a cui si voglia rinunciare causa emergenza sanitaria rientri nella data dell'8 marzo, rilasciando ad ora NESSUN COMUNICATO UFFICIALE su come e se poter ricevere il rimborso per i viaggi successivi. 

Inoltre, entrambi i numeri dedicati al servizio clienti, di cui uno A PAGAMENTO, non funzionano correttamente, costringendo chi chiama ad attese insostenibili. I moduli online per chiedere i rimborsi presenti sul sito internet NON PRESENTANO TRA LE MOTIVAZIONI SELEZIONABILI QUELLA DELL'EMERGENZA SANITARIA e per tale motivo non viene data la possibilità di compilarli. Il sito internet inoltre è estremamente confusionario e al momento NON ESISTE UN INDIRIZZO MAIL a cui scrivere per ricevere tale rimborso.

Tale situazione è inaccettabile considerando anche quanto disposto dal Decreto stesso e dall'associazione consumatori e dal CODACONS. Questa petizione mira a sollevare il problema e a ricevere una risposta ed un servizio efficace al fine di tutelare i clienti della compagnia che avevano in programma un viaggio nelle prossime settimane. 

ENGLISH VERSION 

In light of the Decree issued on March 8 by the President of the Council of Ministers for the management of Coronavirus in Italy, many transport companies have guaranteed full refunds in the case of scheduled trips that consumers have decided to give up.
This does not happen with ITALO Train which has guaranteed reimbursements to its customers only in the event that the trip to be renounced due to a health emergency falls on March 8, releasing no OFFICIAL PRESS RELEASE on how and whether to receive the refund for subsequent travel.
In addition, both numbers dedicated to customer service, one of which for a fee, do not work correctly, forcing the caller to unsustainable expectations. The online forms for requesting reimbursements on the website DO NOT PRESENT THE HEALTH EMERGENCY AMONG THE SELECTABLE REASONS and for this reason they are not given the opportunity to fill them out. The website is also extremely confusing and at the moment there is NO EMAIL ADDRESS to write to in order to receive this refund.
This situation is unacceptable considering also the provisions of the Decree itself and of the consumer association and CODACONS. This petition aims to raise the problem and receive an effective response and service in order to protect the company's customers who were planning a trip in the coming weeks.