A​.​S​.​A. -Lavoratori dello Spettacolo intermittenti- Cig in deroga

A​.​S​.​A. -Lavoratori dello Spettacolo intermittenti- Cig in deroga

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 1.000 firme!
A.S.A. Autonomo Sindacato Audiovisivi ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a inps

Chiediamo che i lavoratori intermittenti dello spettacolo possano accedere alla Cassa integrazione in deroga, perché essa è un’indennità che può essere riferita allo storico delle giornate lavorate, invece che al lavoro perso nel futuro. Secondo l’art. 22 del DL 18/2020 “Cura Italia” sono le Regioni che devono deliberare in merito. Per ora solo Puglia, Veneto, Emilia-Romagna e proprio oggi la Lombardia hanno deliberato che alla Cassa integrazione in deroga possono avere accesso anche i lavoratori intermittenti. Il problema è che la Cassa integrazione in deroga è al momento calcolata, per prassi Inps, in riferimento agli ultimi 3 mesi di lavoro. Tale scelta è molto discriminante, perché per attività stagionali come spettacolo e turismo, i tre mesi precedenti, soprattutto se invernali, non sono rappresentativi del lavoro effettivamente perso. Per questo chiediamo al Governo di introdurre un emendamento che impatti sulle scelte delle Regioni. In particolare, chiediamo che all’art. 22 del D.L. Cura Italia dopo il comma 2 venga inserita questa previsione: “I lavoratori intermittenti accedono alla cassa in deroga sulla base della media delle giornate lavorate negli ultimi 12 mesi”. La Lombardia e la Puglia al momento sono le uniche regioni che hanno utilizzato il criterio dei 12 mesi.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 1.000 firme!