Petition Closed

Il Presidente della Provincia di Grosseto Leonardo Marras, col sostegno del sindaco dell'Isola del Giglio e dell'associazione Legambiente, ha deciso l'eradicazione dei mufloni (circa 15 sembra, ma in questo articolo il sindaco, nell'ottobre 2011, ne dichiarava circa un centinaio) abitanti l'isola toscana.

È inaccettabile procedere all'abbattimento di tali individui. Questi animali sono stati immessi sul territorio gigliese previa vostra autorizzazione per scopi venatori. A distanza di anni, è in corso d'elaborazione una delibera che prevede il loro abbattimento. Perché giungere ad una soluzione così drastica quando gli espedienti per tutelarli sono molteplici? Aumento della sicurezza dei recinti degli orti, cattura e trasporto di tutti gli esemplari sul continente (liberi in ambienti compatibili o ospiti nei rifugi) sono tutte soluzioni mai prese in considerazione dalla giunta provinciale.
Il numero degli individui è fortunatamente ancora molto esiguo, sarebbe dunque molto semplice optare per altri sistemi meno cruenti che possano tutelare la salvaguardia dei mufloni e allo stesso tempo la biodiversità dell'isola, tenendo presente che, anche se non autoctoni, essendosi ambientati ormai da tempo, non rappresentano una minaccia per l'isola, della quale ormai da anni sono parte integrante.
Come associazioni ci impegneremo, qualora le nostre richieste non venissero accolte, ad opporci con ogni mezzo legale all'abbattimento dei suddetti mufloni, anche attraverso canali televisivi, testate giornalistiche, internet, radio, volantinaggio e presidi affinché in tutta Italia si venga a conoscenza dello scempio che l'isola del Giglio vuole perpetrare ai danni d'innocenti.

Letter to
Presidente della Provincia di Grosseto Leonardo Marras
Sindaco del Comune di Grosseto Emilio Bonifazi
Presidente del Parco dell'Arcipelago Toscano Giampiero Sammuri
and 2 others
Direzione del Parco dell'Arcipelago Toscano Franca Zanichelli
Parco dell'Arcipelago Toscano
Buongiorno,



scriviamo per esprimere il nostro dissenso verso la decisione presa dal Presidente della Provincia di Grosseto Leonardo Marras, col sostegno del sindaco dell'Isola del Giglio e dell'associazione Legambiente, per quanto concerne l'eradicazione dei mufloni (circa 15 sembra, ma in questo articolo il sindaco, nell'ottobre 2011, ne dichiarava circa un centinaio) abitanti l'isola toscana.
È inaccettabile procedere all'abbattimento di tali individui. Questi animali sono stati immessi sul territorio gigliese previa vostra autorizzazione per scopi venatori. A distanza di anni, state elaborando una delibera che prevede il loro abbattimento. Perché giungere ad una soluzione così drastica quando gli espedienti per tutelarli sono molteplici? Aumento della sicurezza dei recinti degli orti, cattura e trasporto di tutti gli esemplari sul continente (liberi in ambienti compatibili o ospiti nei rifugi) sono tutte soluzioni mai prese in considerazione dalla giunta provinciale.
Il numero degli individui è fortunatamente ancora molto esiguo, sarebbe dunque molto semplice optare per altri sistemi meno cruenti che possano tutelare la salvaguardia dei mufloni e allo stesso tempo la biodiversità dell'isola, tenendo presente che, anche se non autoctoni, essendosi ambientati ormai da tempo, non rappresentano una minaccia per l'isola, della quale ormai da anni sono parte integrante.
Come associazioni ci impegneremo, qualora le nostre richieste non venissero accolte, ad opporci con ogni mezzo legale all'abbattimento dei suddetti mufloni, anche attraverso canali televisivi, testate giornalistiche, internet, radio, volantinaggio e presidi affinché in tutta Italia si venga a conoscenza dello scempio che l'isola del Giglio vuole perpetrare ai danni d' innocenti.

Sicuri di un vostra risposta positiva e confidando in una repentina collaborazione, ringraziamo per l'attenzione.