CHIUSURA IMMEDIATA DELLE PAGINE SOCIAL DI MATTEO SALVINI

0 hanno firmato. Arriviamo a 25.000.


Le pagine social, specialmente quella Facebook, dell’attuale Ministro degli Interni, cioè di chi dovrebbe tutelare l’ordine pubblico e la civile convivenza, sono divenute luogo di comportamenti illeciti e violenti che minano l’integrità della democrazia italiana.

Su queste pagine, gestite dallo staff, lautamente stipendiato con denaro pubblico, di Matteo Salvini è stata ripristinata l’odiosa e medievale pratica della gogna pubblica. Oppositori politici e singoli cittadini, persino minorenni, con tanto di foto, sono offerti al pubblico delirio e linciaggio dei fan del leader della Lega.

Su queste pagine si opera una quotidiana azione di propagazione di notizie infondate, di allarme sociale ingiustificato, di odio che sconfina nel razzismo e nella xenofobia.

Ogni donna che dissente diventa prostituta.
Ogni oppositore diventa ladro o traditore del nostro paese.
Intere comunità sono bollate e marchiate di irriducibile criminalità e pericolosità sociale.

Su queste pagine diluviano, infatti, i commenti razzisti, l’incitazione alla violenza e persino all’assassinio, l’aggressione sessista alle donne e ai loro diritti, lo svilimento di istituzioni e normative, le accuse infondate, la denigrazione degli avversari o di chi dissente, l’offesa sistematica ai valori della nostra civiltà senza che mai si operi una dovuta moderazione o presa di distanza da certe mostruose dichiarazioni.
Moderazione, prese di distanza, possibili visto che lo staff del ministro oscura platealmente alcuni interventi ma solo quelli di dissenso o che denunciano le malefatte del partito del Ministro degli Interni.
 
PER QUESTE RAGIONI CHIEDIAMO DI FERMARE QUESTA BARBARIE
 
Immediata chiusura delle pagine social di Matteo Salvini
 
Immediato ritiro delle deleghe ministeriali affidate a Matteo Salvini per l’evidente incapacità e non volontà di rispettare il mandato conferitogli e onorare il giuramento fatto ai valori della nostra Costituzione.