Salviamo il Parco di San Giuliano di Mestre

0 hanno firmato. Arriviamo a 7.500.


L’attuale Amministrazione Comunale di Venezia vuole creare un'area di interscambio per il trasporto merci all'interno del Parco di San Giuliano di Mestre.

E’ un intervento che pregiudica per sempre la realizzazione del progetto dell’architetto Di Mambro per San Giuliano, vincitore di un concorso internazionale, adottato all’unanimità dal Consiglio Comunale di Venezia nel 1996 e finanziato con il contributo Europeo.

Se realizzata, la prevista costruzione dei capannoni lungo la sponda del Canale di San Giuliano, a esclusivo beneficio di operatori privati, sottrarrà ai cittadini parte del parco, porterà il traffico di camion e di barche da trasporto al suo interno e nelle pregiate adiacenze acquee, con conseguente pesante aumento dell’inquinamento e del moto ondoso.

Sono queste attività incompatibili rispetto alle destinazioni urbanistiche di San Giuliano, al Piano Regionale di Area della Laguna (PALAV) e alle norme europee di tutela SIC (Sito di Interesse Comunitario) e ZPS (Zona Protezione Speciale). Incompatibili con il delicato equilibrio del luogo, ricco di avifauna, utilizzato da migliaia di cittadini per la nautica naturale, le attività ricreative, culturali e sportive.

Chiediamo al Sindaco di Venezia di impedire questo scempio, di trovare fuori dal Parco aree alternative idonee alla realizzazione del centro intermodale e di difendere il valore patrimoniale ed ambientale di questo luogo unico al mondo, il solo di tutta la terraferma ad essere tutelato dall’UNESCO.