Insieme diciamo "No" alla chiusura dell' ospedale civile Compagna

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Nei giorni scorsi presso l’Ospedale Guido Compagna di Corigliano sono stati chiusi i reparti di Chirurgia e Neurologia, nel contempo era stato chiuso durante la notte il Pronto Soccorso che, solo a partire dal 1 aprile u.s. è stato riaperto anche la notte e non sappiamo se definitivamente o temporaneamente. Non molto tempo addietro è stato chiuso il reparto di Ortopedia ed è stata minacciata più volte la chiusura del reparto di Ostetricia che come punto nascita ha un carico di 800 parti all’anno.

Sono e sono state scelte aziendali, che a nostro parere, sarebbero state certamente diverse nel caso non ci fosse stata la fusione tra i comuni di Corigliano Calabro e Rossano. Leggiamo in queste decisioni dell’azienda sanitaria una scelta di parte: privilegiare Rossano, in attesa dell’Ospedale in c.da Insiti, del quale non si conoscono i tempi di realizzazione.

Ricordiamo brevemente che l’Ospedale Guido Compagna ha una storia che non può essere cancellata all’improvviso. Infatti, ha iniziato la sua attività nel lontano 1938 e vi hanno esercitato la professione valenti medici che hanno fatto assurgere il presidio ospedaliero a struttura di riferimento dell’Alto Ionio e Comuni ad esso limitrofi.

Far morire con una lenta agonia l’Ospedale Guido Compagna è una scelta politica inspiegabile ed ingiustificabile e risulta irrispettosa verso i cittadini potenziali fruitori di tutto il circondario. Infatti, il bacino d’utenza comprende una quarantina di Comuni, le cui popolazioni a poco a poco vengono private di cure e assistenza di prossimità.

Giusto per non essere accusati di campanilismo esasperato, in occasione di questa emergenza contingente, oggi si può fare di necessità virtù.

Infatti, in tutta Italia si stanno ingegnando per separare le attività ospedaliere riguardanti il Covid-19 da quelle ordinarie, addirittura mettendo in piedi ospedali da campo, noi abbiamo una grande opportunità diversificando i due nosocomi, quello di Rossano per il Covid-19 mentre quello di Corigliano per le restanti funzioni di sanità ordinarie e quotidiane.

Alla luce di quanto esposto e vista la situazione emergenziale derivante dalla
diffusione del Coronavirus, 

c h i e d i a m o

  • la riqualificazione immediata dei servizi medici;
  • la riapertura di tutti i reparti chiusi;
  • il ripotenziamento dei reparti esistenti;

presso l'Ospedale "Guido Compagna" di Corigliano,

Unisciti a noi, che vogliamo lottare per il ritorno all'autonomia dei servizi essenziali del nostro Ospedale Guido Compagna, firmando.