Fermiamo la mattanza dei levrieri spagnoli!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


È inammissibile  che vengano  ancora tollerati comportamenti di estrema violenza contro gli animali. Facciamo capire al governo spagnolo che il prossimo 8 giugno le organizzazioni per la protezione degli animali che si recheranno a Strasburgo non sono sole! Non è nuova la violenza del popolo spagnolo contro gli animali (tori in primis), ma in questo caso parliamo dei cani da caccia che non servono più: ogni anno, quando la stagione di caccia finisce, la tragedia dei levrieri buttati vivi nei pozzi e poi cosparsi di benzina torna a realizzarsi. Quelli che non vengono bruciati vivi vengono impiccati, lasciati ad agonizzare ore con una corda intorno al collo, oppure  viene loro somministrato dell'acido Ad altri ancora vengono amputate le zampe cosicchè siano impossibilitati a muoversi. Per cui facciamoci  sentire!