Milano come New York: vietiamo il fumo fuori dai locali pubblici da gennaio 2021

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.

Quando arriverà a1.000 firme, questa petizione avrà più possibilità di essere inserita tra le petizioni consigliate!

Dal 2016 a New York è vietato fumare al di fuori dei locali pubblici. A Tokyo è consentito fumare all’aperto solo in piccole aree attrezzate. Bandire il fumo nelle aree all’aperto di bar, ristoranti e locali anche a Milano ridurrebbe in modo consistente il fumo passivo, responsabile di cancro, infarti e ictus anche tra i non fumatori.

LE LEGGI ANTIFUMO. La proposta richiede certamente coraggio, ma non è poi così rivoluzionaria. Fino al 2003 in Italia era consentito fumare all’interno di bar e ristoranti, qualcosa di impensabile al giorno d’oggi. Da allora la maggior parte dei paesi sviluppati ha bandito il fumo nei locali evitando, secondo stime autorevoli, la morte per tumore a più di 200 mila persone ogni anno nei soli Stati Uniti. A New York, in soli 3 anni, l’introduzione delle leggi antifumo nei locali ha ridotto del 16% i ricoveri ospedalieri per infarto, numeri destinati ad aumentare grazie al divieto di fumare fuori dai locali pubblici introdotto nel 2016. Inoltre, la legge ha consentito di risparmiare in un solo anno 56 milioni di dollari di costi sanitari

IL FUMO PASSIVO. Nei paesi mediterranei la maggior parte dei fumatori dichiara di fumare prevalentemente fuori da bar e ristoranti e, non a caso, bar e ristoranti sono considerati la seconda fonte di fumo passivo dai non fumatori. E’ stato osservato come il fumo passivo fuori dai locali si traduca in un aumento significativo dei residui del tabacco anche nei polmoni dei non-fumatori. Del resto è stato dimostrato come il fumo di tabacco all’aperto sia rilevabile fino a 9 metri di distanza da una singola sigaretta accesa. Insomma, ogni qualvolta una persona fuma fuori da un locale o alla fermata dell’autobus chi sta intorno subisce il fumo passivo ed aumenta il rischio di sviluppare patologie legate al consumo di tabacco.

FUMO E INQUINAMENTO. I dati ufficiali dell’inventario regionale delle emissioni atmosferiche INEMAR Lombardia 2014, indicano il consumo di tabacco tra le prime 5 fonti emissive di PM10. Per migliorare la qualità dell’aria, ridurre soltanto le emissioni causate da automobili e impianti di riscaldamento non basta: bisogna agire anche limitando le polveri sottili prodotte dal fumo.

A MILANO. Un’indagine demoscopica Doxa di maggio 2014 sul consumo di fumo a Milano aveva già evidenziato come in generale oltre la metà dei milanesi fosse favorevole all’estensione del divieto di fumo in città, con il 61% degli intervistati favorevoli ad un approccio quale quello di New York “città senza fumo”. Attualmente nella città meneghina, all’Università Statale è già proibito fumare all’aperto, mentre in Bicocca in piazza dell’Ateneo Nuovo lo si può fare solo all’interno delle aree predisposte. 

FUMO E COVID: anche se è ancora presto per avere dati solidi in tal senso, è innegabile che sia fumatori che soggetti esposti al fumo passivo vadano incontro a maggiori rischi di contrarre il virus in forma acuta. Inoltre fumare, determina spesso un utilizzo improprio della mascherina e dei dispositivi igienici esponendo sia il fumatore che le persone vicine ad un maggior rischio di contrarre la malattia.

COSA CHIEDIAMO. Inserire, nel Regolamento per la qualità dell’aria del Comune di Milano, attualmente in discussione, il divieto, a partire da gennaio 2021, di fumare ai tavolini e in generale nelle aree all’aperto di bar, ristoranti, locali e discoteche, nonché negli spazi immediatamente adiacenti.  

IDEAL Organization for digital politics

Pagina Associazione IDEAL

Bibliografia

- Impact of declining exposure to secondhand tobacco smoke in public places to decreasing smoking-related cancer mortality in the US population
- Association of Indoor Smoke-Free Air Laws with Hospital Admissions for Acute Myocardial Infarction and Stroke in Three States
- Secondhand smoke in outdoor settings: smokers’ consumption, non-smokers’ perceptions, and attitudes towards smoke-free legislation in Spain 
- Outdoor second-hand cigarette smoke significantly affects air quality 
- Regolamento per l'applicazione del divieto di fumo nell'Università degli Studi di Milano - Bicocca 

Sitografia

- https://www.health.ny.gov/publications/3402/
- https://www.unimib.it/ateneo/smoke-free-bicocca
- https://www.fondazioneveronesi.it/progetti/no-smoking-be-happy