Salva il florovivaismo

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Spett.le Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

 

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Palazzo Chigi- P.zza Colonna 370

00187 Roma-Italia

 

 

Spett.le Ministra Teresa Bellanova

Ministero delle politiche agricole

Alimentari e forestali

Via XX Settembre, 20

00187 Roma-Italia

 

 

 

 

 

Egregio Presidente, Egregia Ministra,

 

 

Siamo un gruppo di imprenditori operante nel distretto florovivaistico del ponente Ligure.

Il nostro paese sta attraversando uno dei momenti più bui e impegnativi della sua storia.

 Il senso di gratitudine e di solidarietà verso persone e professionalità che in questo momento tentano, quotidianamente, di difendere la nostra salute, combattendo un nemico invisibile e inesorabile come il COVID 19, la vicinanza alle famiglie che hanno perso i propri cari non ci rende il compito semplice: combattere oggi per rivendicare le nostre estreme difficoltà, infatti, a qualcuno potrebbe sembrare una mancanza di rispetto non accettabile. Non saremo oggi uniti, per denunciare la nostra situazione, se non fosse vitale per le nostre aziende, per le nostre famiglie per la nostra economia.

Onorevoli Presidente e Ministro, il florovivaismo si distingue all’interno del sistema agricolo per complessità biologica e tecnico commerciale.Impiega, al livello nazionale, oltre 100.000 addetti, escluso l’indotto, in 27.000 aziende da nord a sud. Il settore vale complessivamente 2,5 miliardi di euro.

Il comparto, Onorevoli Presidente e Ministra, si distingue in macroaree: la produzione di organi di propagazione GAMICA( semi, e sementi) e AGAMICA( bulbi, tuberi, rizomi e talee) nei quali operano decine di migliaia di addetti. Il settore comprende altresì attività di tipo industriale come moltiplicatori di materiale di produzione( vasi, terricci, protezione fitosanitaria), industrie di impiantistica e di macchinari specializzati.

Parliamo di una crisi che comprende, oggi, mercati pubblici e privati, progettisti del verde, giardinieri, fioristi e punti vendita al dettaglio. Nell’ambito del florovivaismo sono compresi i servizi della logistica dei trasporti della consulenza tecnica e dei brevetti. In questo quadro sono circa 5000 le aziende florovivaistiche operanti nel distretto del ponente per un totale di 12000 addetti tra la provincia di Savona e la provincia di Imperia. A fronte di una produzione nazionale, come già detto, di 2,5 miliardi di euro il nostro distretto ne sviluppa 400. 000.000.

Senza timore di essere smentito, le dico che a oggi il 100 per cento della produzione primaverile di fiori recisi, piante in vaso, ornamentali, fronde e foglie del distretto del ponente Ligure e in tutta la nazione, non sarà distrutto, è già stato distrutto. Le aziende di piante in vaso avrebbero dovuto cominciare la commercializzazione del loro prodotto in questo periodo, e non trovo le parole per descrivere i volti degli imprenditori che fanno caricare sui mezzi l’intera loro produzione per il macero.

Questa situazione riguarda, oggi, nel momento in cui le scrivo, decine di commercianti che acquistano le merci nei nostri mercati e che si sono visti costretti a chiudere le loro attività, riguarda, come già accennato, trasportatori senza nulla da trasportare e ironicamente parlando “NULLA” è per eccesso, centinaia di produttori e operatori del settore senza prospettive.

Tutto questo, Onorevoli Presidente e Ministra, non è soltanto un momento, una transizione in un momento di difficoltà, infatti, l’estrema deperibilità dei nostri prodotti, che durano mediamente da pochi giorni a poche settimane farà si che molte aziende non riescano a  riaprire. Non riusciranno a sostenere, finanziariamente, un nuovo inizio con ripercussioni devastanti per un indotto nazionale che come avrete inteso è enorme.

Abbiamo molto apprezzato gli sforzi e le intenzioni fin qui espresse dal decreto “curaitalia” ma senza giri di parole quello di cui abbiamo veramente bisogno è un fondo specifico per il florovivaismo, abbiamo bisogno di denaro per non veder fallire un settore del Made in Italy che per dimensioni appare estremamente degno di particolare attenzione.

 

Il florovivaisti Italiani