Abroghiamo i decreti Salvini e annulliamo gli accordi con la Libia!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Siamo cittadini e cittadine, organizzazioni della società civile, enti e sindacati: chiediamo al Parlamento e al Governo di abrogare al più presto i cosiddetti Decreti Salvini e gli accordi Italia-Libia.

Le disposizioni in materia di asilo, immigrazione e cittadinanza contenute nei c.d. decreti Sicurezza (d.l. n. 113/18 convertito con legge n. 132/18) e Sicurezza-bis (d.l. n. 53/19 convertito con legge n. 77/19) e gli accordi con la Libia, infatti, violano i diritti umani, la Costituzione italiana, creano conseguenze negative sull’intera società italiana e ledono la stessa umanità.

Per questo devono essere abrogate e gli accordi cancellati, per farlo serve anche il tuo aiuto! Per questo ti chiediamo di firmare il nostro appello per chiedere al Governo e al Parlamento di agire immediatamente.

Scopri di più sul nostro sito: www.ioaccolgo.it

ATTENZIONE: Se hai già firmato l'appello sul nostro sito o sui moduli cartacei NON farlo anche qui. Grazie!

Le nostre proposte:

Reintrodurre il permesso di soggiorno per motivi umanitari e la residenza anagrafica per i richiedenti asilo
Senza documenti i migranti sono condannati all'esclusione e allo sfruttamento, con conseguente aumento della marginalità e del disagio sociale.

Riaprire l’accesso dei richiedenti asilo al sistema di accoglienza integrata e diffusa gestito dai Comuni
Questo sistema (ex-SPRAR) prevede percorsi di formazione e inserimento lavorativo che permettono una positiva inclusione nella società italiana.

Mai più morti in mare e persone lasciate per settimane sulle navi
Chi rischia la vita in mare deve essere soccorso e fatto sbarcare al più presto in un porto sicuro. E chi soccorre non può essere criminalizzato.

Stop ai respingimenti in Libia
Annullare gli accordi Italia-Libia, sulla base dei quali i migranti vengono intercettati in mare e riportati in Libia, dove vengono rinchiusi nei centri di detenzione, in condizioni disumane e sottoposti a violenze e torture.

SCARICA IL TESTO COMPLETO DELL’APPELLO

Io accolgo è una campagna promossa da 48 organizzazioni della società civile.

E’ l’Italia che prende posizione contro le politiche istituzionali che condannano i migranti a morire in mare, chiudono i porti alle navi che prestano soccorso in mare, cancellano esperienze di accoglienza virtuose, gettano per strada migliaia di richiedenti asilo e rifugiati, alimentano xenofobia e razzismo, privano del lavoro migliaia di operatori, in maggioranza giovani laureati italiani.

E’ l’Italia solidale che rivendica diritti, accoglienza, inclusione sociale e uguaglianza per tutti e li pratica ogni giorno.

SCOPRI DI PIU' SULLA NOSTRA CAMPAGNA SU: WWW.IOACCOLGO.IT

Fanno parte del Comitato promotore della Campagna:
A Buon Diritto, ACLI, ActionAid, AOI, ARCI, ASGI, Caritas italiana, Casa della Carità, CEFA, Centro Astalli, CGIL, CIAC, CIAI, CIR, CNCA, Comunità di S.Egidio, CONNGI, Ero Straniero, EuropAsilo, Federazione Chiese Evangeliche in Italia - FCEI, FOCSIV, FOCUS Casa dei diritti sociali, Fondazione Finanza Etica, Fondazione Migrantes, Forum Terzo Settore, Gruppo Abele, ICS Trieste, INTERSOS, Legambiente, LINK-coordinamento universitario, Lunaria, Medici Senza Frontiere, NAIM (National Association Intercultural Mediators), Oxfam, Rainbow4Africa, ReCoSol, Refugees Welcome Italia, Rete della Conoscenza, Rete Studenti Medi, SaltaMuri, Save the Children Italia, Senza Confine, UIL, Unione degli studenti, Unione degli universitari, UNIRE