Petition Closed
Petitioning V.Bernazzoli and 20 others

gli Enti competenti sospendano l'autorizzazione all'inutile uccisione delle volpi sul territorio Parmense


1,501
Supporters

Con questa lettera, si vuole informare i cittadini delle scelte improprie della giunta provinciale della Provincia di Parma, e si chiede, al suo Presidente, al Sindaco di Parma, alla Regione Emilia Romagna e all’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale), di rivedere e soprattutto sospendere IMMEDITATAMENTE l'autorizzazione che permette l’uccisione delle volpi sul nostro TERRITORIO. 
Premesso che, almeno il 90% del popolo Italiano è contrario ad ogni tipo di caccia ed è favorevole alla sua abolizione, i cittadini di Parma trovano assurdo e riprovevole che la Provincia di Parma, ancora nel 2013, scelga di favorire una lobby a discapito della vita di centinaia di esemplari a dir poco INNOCUI. 
(come persino wikipedia insegna: http://it.wikipedia.org/wiki/Vulpes_vulpes ) 
Da quanto infatti emerge dagli stessi atti pubblici (Piano provinciale di gestione della volpe anno 2009 – 2012, attualmente in vigore), i danni arrecati dalle volpi al nostro territorio hanno effetti marginali: sia da un punto di vista economico (perdita di pochi esemplari di galline, che potrebbero essere salvate con metodi di prevenzione come la costruzione di recinti adeguati), sia da un punto di vista territoriale (le aree interessate all’attacco del pollame sono limitate es. Salsomaggiore Terme).
Invitiamo le Giunte e le Istituzioni ad informarsi e a non prendere decisioni dettate da interessi puramente economici. Basterebbe confrontare i danni arrecati dalla caccia con i danni arrecati dalle volpi, per notare che la specie realmente nociva all'ambiente è quella umana, ed in particolare la figura del cacciatore che andrebbe abolita. http://www.abolizionecaccia.it/notizie/dicacciasimuore.html
E’ riconosciuto da tutti, esperti ambientalisti e non, che la caccia sia prima di tutto un enorme fonte di STRESS per la NOSTRA FAUNA ed è un danno irreversibile per L’AMBIENTE.
Ogni giornata di caccia libera, di cattura, di selezione, di censimento, non è altro che un espediente per diffondere terrore, spargere sangue nei nostri bei boschi e nelle nostre campagne. Siamo stanchi di dover condividere il mondo con queste pratiche crudeli, gratuite e violente. Siamo stanchi di presunte leggi, che non proteggono gli esemplari più deboli,  (ricordiamo che il massacro delle volpi è consentito anche con la caccia in tana dove queste non trovano via di scampo e vengono letteralmente sbranati dai cani, di cacciatori senza scrupoli).
Pretendiamo quindi di essere ascoltati quando chiediamo alle Istituzioni, che dovrebbero rappresentare la maggioranza dei cittadini, di prendere consapevolezza e scegliere di abbracciare metodi educativi piuttosto che distruttivi. (Prevenzione anziché sterminio)
Le leggi dovrebbero essere prima di tutto etiche ed insegnare il rispetto verso ogni forma di vita. Le leggi dovrebbero proteggere le specie più deboli soprattutto se del tutto innocue al genere umano.

Letter to
V.Bernazzoli
giunta prov
giunta prov
and 18 others
uffici consiglio
Giunta reg
giunta reg
giunta reg
giunta reg
giunta reg
giunta prov
giunta prov
giunta prov
Federico Pizzarotti
Rabboni
Giunta Reg.
ISPRA
Giunta Prov
Giunta prov
Giunta prov
giunta prov
giunta reg
gli Enti competenti sospendano l'autorizzazione all'inutile uccisione delle volpi sul territorio Parmense