Aboliamo la Fiera degli Uccelli di Arzignano e trasformiamola in una Fiera della Primavera

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


La  città di Arzignano il 25 aprile celebra la festa della Liberazione in modo incomprensibile con la Fiera degli Uccelli (ingabbiati), creature nate per avere a disposizione il cielo intero rinchiuse a vita in minuscole gabbiette.

Una manifestazioni Comunale, data in gestione all’associazione dei cacciatori migratoristi, che valorizza e foraggia la pratica della caccia da appostamento. In questo tipo di caccia gli uccelli sono usati per attirare i consimili in migrazione, vengono portati a cantare in autunno invece che in primavera con pratiche innaturali (come il tenerli al buio e con poco cibo tutta l’estate), e soprattutto vengono rinchiusi a vita in gabbiette dove non potranno nemmeno aprire le ali. Spesso in condizioni terribili, sporcizia, malattie, arti amputati…

Guarda questo video sulla vita di un uccello da richiamo

Il mercato degli uccelli da richiamo è molto lucroso e da sempre accompagnato, soprattutto nelle nostre zone, a fenomeni illegali come il bracconaggio, il maltrattamento di animali, l’inanellazione clandestina degli uccelli e loro vendita illegale.

La pratica dell’uccellagione (la cattura degli uccelli ad uso richiamo) e la successiva detenzione in piccolissime gabbie è contraria alle normative europee sulla tutela e conservazione dell’avifauna, ciò nonostante alcune regioni italiane permettono questa barbara usanza.

Moltissime persone che entrano in fiera vengono tratte in inganno dalla preponderante esposizione di piante e strumenti di giardinaggio e non sanno che stanno di fatto aiutando i cacciatori migratoristi e un’attività a cui sono per la maggior parte contrari.

Per questi motivi noi cittadini chiediamo al Sindaco di non legare il nome della città di Arzignano ad una manifestazione che comporta tanta violenza e crudeltà nei confronti di creature indifese, ma di trasformarla in Fiera del mercato della Primavera, dove sia vietato esporre animali in gabbia e reclamizzare l’attività venatoria ed il commercio ad essa legato.

Liberi di Volare
https://www.facebook.com/Liberi-di-volare-858262037578682/