Coronavirus: diritti e tutele per gli studenti universitari!

0 hanno firmato. Arriviamo a 15.000.


Per rispondere all’emergenza legata al diffondersi del Covid19 all’interno del Paese, il Governo ha disposto il blocco della didattica nelle Università su tutto il territorio nazionale. 

La didattica e gli esami di profitto in presenza sono sospesi negli atenei delle zone più colpite dall’ultima settimana di febbraio, mentre sono state disposte le stesse misure, a partire dal 4 marzo, in tutta Italia.

La decisione di sospendere l’attività didattica risulta chiaramente funzionale e necessaria al fine di limitare il contagio, ma le conseguenze di questa situazione fuori dall’ordinario all’interno delle università, non possono e non devono ricadere sulla pelle degli studenti e delle studentesse. 

E' possibile che, nel nostro Paese, l’emergenza dovuta al Coronavirus non si fermi molto presto, ed è reale la possibilità che le misure disposte dal Governo dureranno ancora. 

Chiediamo al Ministero dell’Università e al Governo che le conseguenze legate alle misure emergenziali non ricadano sugli studenti, sulla possibilità di proseguire il percorso formativo e sulla possibilità di accedere ai servizi del diritto allo studio. 

Chiediamo:

- l’esenzione dalle tasse universitarie per tutti gli studenti. Chiediamo inoltre che, chi ha visto slittare la propria seduta di laurea, non rientri tra gli studenti fuoricorso e non sia costretto a pagare una maggiorazione sulle tasse universitarie. 

- la deroga dei criteri di merito per le borse di studio (cfu necessari al mantenimento delle borse di studio e alla richiesta della borsa per l’anno successivo) e per l’accesso alla No Tax Area per l’anno accademico 2019/2020, affinchè la sospensione della sessione d’esame non abbia conseguenze sulla possibilità di accesso ai benefici del diritto allo studio.

È per questo che abbiamo lanciato questa petizione in tutti gli Atenei e in tutto il Paese, per richiedere che già nelle misure che il Governo prenderà nei prossimi provvedimenti ci siano forme di tutela delle condizioni degli studenti e delle studentesse.

#noilacrisinonlapaghiamo