Richiesta di eliminazione dell'obbligo del DURC o, in alternativa, trattenere sugli importi fatturati ad Enti Pubblici un importo non superiore al 20% della parcella a condizione che il saldo previdenziale sia regolato in tempi definiti e prestabiliti.

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


CARA (anzi carissima) INARCASSA COME FACCIO A PAGARTI SE NON POSSO LAVORARE?

In Italia circa quarantamila ingegneri ed architetti, ovvero il 27 per cento degli inscritti alla Inarcassa (l'istituto nazionale di previdenza ed assistenza per gli ingegneri ed architetti liberi professionisti) versano in condizioni economiche al di sotto della soglia di povertà.
Lo rivela un'indagine dello stesso istituto che contemporaneamente rivolge un appello affinchè si possano creare le condizioni per far recuperare a questi professionisti "accettabili livelli di dignità del lavoro".
Crediamo sia il momento di dare una svolta al regolamento su gli incarichi, abolendo il famigerato D.U.R.C (DOCUMENTO DI REGOLARITA' CONTRIBUTIVA) per i PROFESSIONISTI CHE PUR VOLENDO REGOLARIZZARE LA LORO POSIZIONE CONTRIBUTIVA NON POSSONO FARLO per mancanza di lavoro. I professionisti sono alla canna del gas e l'abolizione del D.U.R.C. ( in alternativa, trattenere sugli importi fatturati ad Enti Pubblici un importo non superiore al 20% ) potrebbe di molto migliorare il loro status economico. 

 



Oggi: francesco conta su di te

francesco de rose ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Firma per l'eliminazione dell'obbligo del D.U.R.C per i professionisti che vivono sulla soglia della povertà.". Unisciti con francesco ed 185 sostenitori più oggi.