Fermiamo la deportazione dei cani di Reggio Calabria!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Il comune di Reggio Calabria ha deciso di deportare i propri cani,firmando una convenzione con il canile di Cisternazza in provincia di Catania.
L'Amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Falcomatà (PD) ha inspiegabilmente firmato una convenzione  - con retta giornaliera di €.3.50 - con il canile di Cisternazza; una cifra superiore al doppio della retta di €.1.50 concordata a suo tempo con il canile rifugio Il Parco di Taurianova (RC) gestito da volontari che si occupano regolarmente e responsabilmente dei circa 500 cani, malgrado da dieci mesi la struttura non percepisca alcun pagamento da parte del Comune di Reggio Calabria.

Questa decisione, ignorando il volontariato locale che si è ripetutamente prodigato affinché il Canile di Mortara tornasse ad essere  - dopo le ben note vicende della precedente gestione -  il "canile modello" del territorio comunale reggino, dimostra il totale disinteresse per la sorte degli animali, sottoposti all'ennesimo trauma, privati della possibilità di adozione e considerati alla stregua di scomodi oggetti trasportabili da una regione all'altra, nel disprezzo della loro reale natura di esseri viventi e senzienti. 



Oggi: francesca conta su di te

francesca valensise ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Fermiamo la deportazione dei cani di Reggio Calabria!". Unisciti con francesca ed 667 sostenitori più oggi.