Petition update

ENPAM e il modello ex D.Lgs 231/2001 per la prevenzione dei reati...

Franco Picchi
Pietrasanta, Italy

Sep 3, 2018 — 

Denuncia ex art. 2408 cc al Collegio Sindacale ENPAM

 

Al Presidente del Collegio Sindacale ENPAM

Dott. Saverio Benedetto

e p. c

Procura della Repubblica - Roma

Procura Regionale della Corte dei Conti - Roma

Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione (COVIP)

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero dell' Economia e delle Finanze

Corte dei Conti - Sezione del controllo sugli enti

A.N.AC.

 

Oggetto: D.Lgs 231/2001

 

Il sottoscritto dott. Franco Picchi,

PREMESSO

-Ex amministratori ed ex dirigenti dell’Enpam, sono stati rinviati a giudizio (processo penale  5938/12 Roma);

- i reati ipotizzati sono truffa aggravata e ostacolo agli organi di vigilanza;

-l’ ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza rientra tra i reati previsti dal D.Lgs. 231/01, ovvero i c.d. “reati presupposto” per la responsabilità amministrativa degli Enti;

-la Corte di Cassazione ha stabilito che “possono essere esonerati dall’applicazione del d.lgs. 231/2001 soltanto lo Stato, gli enti pubblici territoriali, gli enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale e gli altri enti pubblici non economici. Ne consegue che la natura pubblicistica di un ente è condizione necessaria ma non sufficiente per l’esonero dalla disciplina in questione dovendo necessariamente essere presente anche la condizione dell’assenza di svolgimento di attività economica da parte dell’ente medesimo” (Cass. pen., sez. II, 26.10.2010, n. 234);

-tale orientamento è stato poi ulteriormente ribadito dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 234/2011  “La ratio dell'esenzione è infatti quella di escludere dall'applicazione delle misure cautelari e delle sanzioni previste dal d.lgs. n. 231/2001 enti non solo pubblici, ma che svolgano funzioni non economiche, istituzionalmente rilevanti, sotto il profilo dell'assetto costituzionale dello Stato amministrazione.

In questo caso, infatti, verrebbero in considerazione ragioni dirimenti che traggono la loro origine dalla necessità di evitare la sospensione di funzioni essenziali nel quadro degli equilibri dell'organizzazione costituzionale del Paese.”;

-l'ENPAM ha assunto personalità giuridica di diritto privato  col decreto ministeriale pubblicato sulla gazzetta ufficiale del 12 dicembre 1995;

-la gestione economico-finanziaria dell’ ENPAM deve assicurare l’equilibrio di bilancio ( D. Lgs. 30 giugno 1994 n. 509 art. 2, comma 2°), quindi viene svolta secondo criteri di economicità;

-l’ ENPAM non svolge funzioni di rilievo costituzionale, riguardanti cioè l’assetto costituzionale dello Stato;

-l’ ENPAM aveva già adottato nel 2008 un modello ex legge 231/2001, poi dismesso nel 2009 sembra a seguito di precedenti pareri ministeriali ( nota RGS 149223 del 23.11. 2007), evidentemente privi di pregio dopo le sentenze della Cassazione precedentemente riportate;

-l’adozione di un modello organizzativo ex legge 231/2001 idoneo a prevenire i reati “presupposto” non è obbligatoria, ma la sua adozione e efficace implementazione, prima della commissione del fatto, ha la possibilità di evitare la responsabilità o di attenuare le conseguenze sanzionatorie previste dal sistema.

SOTTOLINEATO

-i casi tuttora all’attenzione delle autorità giudiziarie riguardanti investimenti e attività ENPAM possono avere come conseguenza anche pene pecuniarie a carico dell’ENPAM per responsabilità ex D.Lgs. 231/2001;

-l’eventuale applicazione di sanzioni ex 231/2001 all’ ENPAM per i reati presupposto commessi da amministratori, dirigenti e dipendenti, incide direttamente sul patrimonio ENPAM e quindi sugli interessi economici degli iscritti;

-spetta al Collegio Sindacale anche la vigilanza sull’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile dell’ENPAM e sul suo concreto funzionamento;

-la maggior parte delle casse previdenziali privatizzate hanno già da tempo adottato tale modello.

EVIDENZIATO

-legittimamente gli iscritti potrebbero intraprendere azione di responsabilità nei confronti degli amministratori inerti che, non avendo adottato il modello ex 231/2001, abbiano impedito all’ ENPAM di fruire del meccanismo di “esonero” della responsabilità;

Sporge denuncia formale ex art. 2408cc al Collegio Sindacale affinchè lo stesso :

-          chiarisca se il modello organizzativo adottato dall’ ENPAM è pienamente conforme al D.Lgs 231/2001 e sia puntualmente ed efficacemente implementato;

-          intimi, altrimenti, al CdA ENPAM la sollecita adozione di un modello organizzativo pienamente conforme al D.Lgs 231/2001;

-          verifichi poi puntualmente l’efficace implementazione dello stesso.

 

Pietrasanta, 03/09/2018                                        Franco Picchi

 

-          Allegati  : 1) Carta d’identità


Keep fighting for people power!

Politicians and rich CEOs shouldn't make all the decisions. Today we ask you to help keep Change.org free and independent. Our job as a public benefit company is to help petitions like this one fight back and get heard. If everyone who saw this chipped in monthly we'd secure Change.org's future today. Help us hold the powerful to account. Can you spare a minute to become a member today?

I'll power Change with $5 monthlyPayment method

Discussion

Please enter a comment.

We were unable to post your comment. Please try again.