Decision Maker Response

Movimento 5 Stelle’s response

Feb 26, 2018 — Il Trattato di Dublino è il principale ostacolo ad una gestione solidale del fenomeno migratorio tra i paesi europei. Senza rivedere questo accordo, che impone al paese di prima ospitalità di tenersi tutti gli immigrati, l'Italia è condannata a veder aumentare sia l'ostilità verso il progetto europeo che quella verso gli stessi migranti, vittime di un sistema molto più grande di loro. Il problema è che i flussi migratori fanno gola anche a gruppi di interesse nazionali, fra i quali alcune grosse cooperative che lucrano ingenti profitti a partire dai soldi pubblici erogati per l'accoglienza dei migranti. Dublino è stato approvato per la prima volta da un governo di centro-destra che includeva anche la Lega e poi, nel 2013, dal governo Letta, di centro-sinistra. Se andrà al governo il M5S porterà il tema della revisione del trattato di Dublino in Europa con grande determinazione, così come farà con il Fiscal Compact. Immigrazione e rilancio della spesa produttiva sono i due più grandi nodi che devono essere sciolti a livello continentale per rilanciare l'Europa dei popoli e della democrazia.