Davide Barillari non deve essere espulso dal MoVimento 5 Stelle

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Davide Barillari non deve essere espulso dal MoVimento 5 Stelle.

Rappresenta un portavoce che fin dalla nascita del M5S incarna i valori e i principi 5 stelle di coerenza e onestà.

Davide da 7 anni non ha mai smesso di contrastare corruzione, mafia e intrallazzi nella sanita’ regionale, facendo proposte e proponendo soluzioni con l’aiuto di tanti cittadini coinvolti attraverso tavoli di lavoro.
Il sito www.saluteregionelazio.it contiene solo la sua attività di questi anni, è un archivio di atti pubblici presentati ufficialmente. Le sue denunce danno fastidio al Partito Democratico, ed è questo il vero motivo per il quale viene espulso.

In Regione Lazio assistiamo ad un’opposizione blanda, inutile e poco incisiva. Troppi si sono avvicinati al Partito Democratico, perdendo identità e forza nelle battaglie.
Questo è il vero motivo per la cacciata di Davide Barillari, non si è mai piegato, non si è mai allineato, è rimasto coerente con le battaglie del M5S.

Se Davide Barillari deve essere espulso, lo deve decidere tutta la base, democraticamente ed in modo trasparente. Non in videoconferenza. Non in una riunione “virtuale” ristretta fra pochi consiglieri regionali che eseguono gli ordini di Zingaretti.
Se qualcuno deve essere espulso, non è sicuramente Davide Barillari, ma è Roberta Lombardi, madrina e sostenitrice dell’alleanza in Regione Lazio fra M5S e Zingaretti.

Chiediamo che il 25 marzo 2020 venga posta in votazione la mozione di sfiducia a Roberta Lombardi
https://drive.google.com/file/d/1Zsj8rMOaoIC_oyNsXllLIbkB-UlLWmTy/view?fbclid=IwAR1dqRo7sGqQEBVTz4TrE4X3IO8khg3mo-9rsLEXURofPVgGpA_AMDBUbtI