Aiutateci a salvare il Modern Automata Museum

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Il Modern Automata Museum è chiuso ed è senza sede dal terremoto dell'ottobre 2016.

Gli automata in mostra sono piccole sculture meccaniche, realizzate in carta, legno e metallo, messe in movimento dai visitatori.

Gli automata moderni possono essere paragonati agli Aikù Giapponesi, che vengono definiti come "una piccola visione del mondo in tre brevi versi". Allo stesso modo, gli automata moderni possono essere definiti "una piccola visione del mondo in un giro di manovella".

Il Museo, fondato nel 2001,  raccoglie circa 200 automata, realizzati da artisti Giapponesi, Statunitensi, Tedeschi, Inglesi, Francesi, Canadesi, Sudamericani ed Italiani. Un centinaio di opere sono esposte in permanenza nella sede Museale, mentre l'altra metà della collezione è raccolta nelle mostre itineranti "Circus", "Il segreto del movimento" e "Contro l'idea della guerra". Le mostre sono state ospiti presso altri Musei ed istituzioni pubbliche: il Festival della Letteratura di Mantova, il Palazzo Pubblico di Siena, il Museo delle Marionette di Palermo, il Museo dei Bambini Explora di Roma, il Museo Archeologico di Magliano Sabina, la Sala Santa Rita del Comune di Roma, il Palafiemme di Cavalese, lo Schloss Neuenburg di Friburgo, il Domkloster di Colonia, Kapitel 8 a Brema.

Il Museo è inserito nell'Organizzazione museale regionale della Regione Lazio ed è indicato come uno dei "Luoghi della cultura italiani" dal Ministero dei beni e delle attività culturali.

Obiettivo primario del Museo è trasmettere agli studenti delle scuole primarie e secondarie, in modo divertente, conoscenze letterarie, scientifiche ed artistiche attraverso i corsi di costruzione di automata.

L'idea è che, costruendo uno o più automata sulla base di una filastrocca o di una storia inventata da loro, i ragazzi acquisiscano queste competenze in modo induttivo e stabile.

Il libro che illustra i corsi è scaricabile gratuitamente dal sito del Museo.

In questo senso Il Museo ha sviluppato un suo metodo e ha organizzato laboratori per la costruzione di automi presso altre istituzioni museali, presso scuole italiane ed europee e presso le ludoteche dei reparti pediatrici di alcuni ospedali. I laboratori sono basati sul coinvolgimento nel processo di costruzione di competenze pluridisciplinari, in campo umanistico, scientifico ed artistico, e sull'insegnamento di "sette note meccaniche" di base, attraverso la combinazione delle quali è possibile realizzare movimenti meccanici complessi. Sulla base di questi principi è stato messa a punto una metodologia d'insegnamento (vedi la sezione "Clohe" nel sito del Museo, www.modernautomatamuseum.com

Chiediamo al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali Italiano di concederci un colloquio perché si possa lavorare insieme per trovare una nuova sede al Museo e garantire continuità alle esperienze fin qui svolte, che hanno coinvolto fin'ora migliaia di bambini, ragazzi e adulti europei, di ogni razza e colore, in un bel processo didattico e creativo, originale.

Guido Accascina

info@modernautomatamuseum.com 

www.modernautomatamuseum.com



Oggi: Guido conta su di te

Guido Accascina ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Dario Franceschini, aiutaci a salvare il Modern Automata Museum"". Unisciti con Guido ed 670 sostenitori più oggi.