PETIZIONE CHIUSA

Basta bocconi avvelenati!

Questa petizione aveva 2.333 sostenitori


I cacciatori, almeno qui in Umbria, hanno l'abitudine di collocare nei boschi e lungo i sentieri bocconi avvelenati per uccidere le volpi che minacciano la selvaggina oggetto del loro divertimento.
Per giustificare questo comportamento incivile sostengono che le volpi possono uccidere pollame e gatti, ma sono chiaramente scuse perché il pollame può essere protetto con opportune recinzioni mentre dei gatti sicuramente non si preoccupano così come non si preoccupano di mettere a repentaglio la vita dei loro cani nella caccia al cinghiale.

Il piccolo Eolo, un cagnolino simpatico ed allegro che non aveva fatto alcun male è morto domenica in modo atroce per aver ingerito uno di questi bocconi avvelenati.

Chiediamo che questa pratica venga vietata e perseguita con sanzioni molto gravi, chiediamo che venga compiuta qualche attività di vigilanza nella stagione venatoria e soprattutto che venga regolamentata seriamente la vendita di sostanze velenose.

  



Oggi: Sergio conta su di te

Sergio Unia ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Corpo Forestale dello Stato: Basta bocconi avvelenati!". Unisciti con Sergio ed 2.332 sostenitori più oggi.