Stop alla libera vendita dei topicidi nei supermercati!

Stop alla libera vendita dei topicidi nei supermercati!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 1.000 firme!
marco severa ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Confesercenti e a

Negli ultimi giorni stiamo riscontrando la presenza e la libera vendita, in numerose catene di supermercati presenti sul territorio nazionale, di scatole di esca paraffinata per catturare topi e ratti nelle abitazioni private.

La colla per topi è un metodo che provoca la morte del roditore dopo una lunghissima agonia. Durante l’attesa il topo cercherà di liberarsi emanando lamenti strazianti e infetterà l’ambiente circostante con peli, feci ed urina.

Essa, non uccide solo l’animale bersaglio ma, spesso, anche innocui gechi, pipistrelli, farfalle, uccelli e qualsiasi essere vivente che abbia la sventura di venirne a contatto. Spesso tra le vittime ci sono anche i gatti in quanto predatori naturali dei topi che, provando a catturarli, rimangono intrappolati sulla colla, riportando lesioni fisiche. In casi estremi, quest'esca viene utilizzata per uccidere intenzionalmente animali da compagnia, quali cani e gatti.

Questo strumento di cattura, inoltre, in alcuni stati è stato vietato; in altri, invece l'utilizzo ne è stato ridimensionato.

Con questa petizione, l'associazione Doggy Dog Park Onlus e l'associazione Gatti Uniti, propongono che ogni comune fornisca degli strumenti alternativi di cattura, che non prevedano sofferenze per il piccolo roditore; inoltre, chiediamo alle associazione dei consumatori e alle associazioni animaliste, che questi prodotti che, utilizzati in modo inadeguato possono essere pericolosi anche per i bambini, siano utilizzati solamente da professionisti del mestiere e che non vengano venduti liberamente nei supermercati.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 1.000 firme!