Vittoria

L'Istituto Superiore di Scienze Religiose "San Pietro" deve restare a Caserta

Questa petizione ha creato un cambiamento con 574 sostenitori!


Caserta ancora una volta scippata di un suo pezzo. Soppresso l’ISSR - Istituto Superiore di Scienze Religiose “San Pietro”- per costituirne uno solo che accorpi Aversa, Capua e Caserta. Nuova sede Capua, Direttore quello dell’attuale Istituto di Aversa, moderatore il vescovo di Caserta.

La decisione, benché l’accorpamento possa addebitarsi ad una più contenuta progettazione economica, non è assolutamente giustificabile per quanto riguarda la nuova sede. Non risulta esservi una ragione per la quale Caserta debba essere “spoliata” del suo ruolo, né storico né strutturale. Storico perché è una Diocesi anch’essa vetusta (Bolla di Senne, 1113). Strutturale perché l’ISSR di Caserta è perfettamente a norma, in quanto possiede i requisiti richiesti: corpo docente stabile a livello universitario e numero di studenti ordinari, ambienti didattici accoglienti e pienamente efficienti e biblioteca, sostenibilità economica e bilancio attivo.

L’Istituto casertano è, infatti, sito nel Palazzo dell’Episcopio, nel centro storico della città; è dotato di infrastrutture idonee e funzionali anche per quanto riguarda la mobilità di docenti e studenti, essendo agevolmente raggiungibile sia con mezzi pubblici che privati, per essere poco distante dalle due uscite autostradali. Al suo interno, infatti, vi è un ampio cortile con parcheggio.

Non è solo una struttura accademica che viene negata a Caserta, ma il legittimo riconoscimento di guida nella sua provincia per i valori religiosi e laici che l’ISSR “San Pietro” incarna e rappresenta.

Caserta, dopo aver subito nel corso di questi ultimi anni tanti scippi da parte dello Stato e dei suoi apparati, ora viene scippata anche dalla Chiesa cattolica.

Tanto premesso, esprimendo vivo dissenso su quanto deciso, ci appelliamo a quanti possono correggere questa decisione, non ultimi la Congregazione per l’Educazione Cattolica (CEC), la Conferenza Episcopale Italiana (CEI) e, se non bastassero, anche Papa Francesco.

Tutti coloro che condividono le valutazioni sopra espresse sono, intanto, invitati a sostenerci sottoscrivendo il presente appello.

 Il gruppo promotore per il NO al trasferimento dell’ISSR “San Pietro” da Caserta a Capua: Antonio Malorni, Anna Giordano, Ida Alborino, Aldo Altieri, Silvana Cefarelli, Felicio Corvese, Vanna Corvese, Adriana D’Amico, Andrea Della Selva, Giuseppe de Nitto, Pietro De Pascale, Ippolito Gassirà, Rosa Piccolo, Felice Santaniello, Anita Schiavo, Lucia Schiavo, Teresa Nutile, Giuseppe Venditto



Oggi: Antonio conta su di te

Antonio Malorni ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Conferenza Episcopale Campana: L'Istituto Superiore di Scienze Religiose "San Pietro" deve restare a Caserta". Unisciti con Antonio ed 573 sostenitori più oggi.